Ultimo aggiornamento  12 novembre 2019 05:36

Kia XCeed, nata per stupire.

Valerio Antonini ·

FRANCOFORTE - Debutto in grande stile per XCeed, nuovo suv compatto di Kia. Una première molto attesa, che ha svelato un’auto dal design innovativo, mai visto prima in nessun dei modelli del marchio coreano dai quali si distacca quasi totalmente. Della rinnovata famiglia Ceed - la tradizionale tre o cinque porte, la Hatchback, e la ProCeed - il crossover urbano eredita solo le portiere. Il resto è tutto nuovo.

Segmento C, voglia di stupire

La nuova coreana nasce per competere nel segmento C, pieno di agguerrita concorrenza, come alternativa - tra gli altri - alla Volkswagen T-Roc, realizzata su base Polo, e alla Nissan Qashqai.

Mantiene la stessa lunghezza (4.395 millimetri) delle precedenti - con cui condivide la piattaforma modulare K2 - ma è più alta di 46 millimetri. Ha un passo di 2,65 metri e uno spazio da terra che ora va dai 174 ai 184 millimetri, variabili in base alle dimensioni dei cerchi da 16 o 18 pollici. Il frontale non ha la tipica mascherina “Tiger Nose” che distingue la sportiva Stinger, la griglia centrale, però, è vistosamente più grande rispetto alle altre Ceed in gamma, così come le prese d’aria. Le sottili firme luminose a led, dalla forma particolare, si sviluppano fin sopra ai passaruota, puntando dritte verso il cofano.

Lateralmente i finestrini formano un arco ben delineato. Il tetto spiovente evidenzia le forme da coupé del piccolo suv. Il portellone si apre e si chiude con un pulsante per facilitare il carico dei bagagli che ha una capacità di 426 litri, 31 in più della Ceed, 1.378 con i sedili reclinati. Due le vetture in mostra a Francoforte, una gialla, l’altra blu. Gli interni sono rifiniti con figure geometriche abbinati agli audaci, quanto indovinati, colori della carrozzeria.

Anche se più compatta, la vettura mantiene gli ampi spazi interni che caratterizzano la gamma. Preserva pure il dinamismo, grazie a piccole modifiche alle sospensioni, più morbide, e al sistema elettronico che “controlla” lo sterzo, più rapido nel rispondere ai comandi.

Connessa con la e-sim

Il dispositivo Uvo Connect, attraverso una e-sim integrata, permette di collegarsi alle rete internet e interfacciare a piacimento con il proprio smartphone su un display touch-screen hd (1.920 x 720 pixel) da 12.3 pollici. La vettura dispone di stessi sistemi di assistenza di livello 2, come il cruise control adattivo, la frenata automatica d’emergenza anti collisione e i sensori che riconoscono segnaletica e linee di demarcazione della carreggiata. 

Benzina e diesel

I motori benzina della Kia XCeed vanno dal tre cilindri T-GDi da un litro e 120 cavalli, ai più potenti 4 cilindri da 1.4 e 1.6 litri, rispettivamente da 140 e 204 cavalli (lo stesso che monta la ProCeed Gt). I diesel sono entrambi 1.6 litri (115 e 136 cavalli). Tutti i propulsori sono abbinati al cambio manuale a sei marce o all'automatico a doppia frizione a sette rapporti, con l'esclusione del piccolo tre cilindri.

Parola ai protagonisti

Per capire ancora meglio i segreti che stanno dietro all’evoluzione stilistica di XCeed, abbiamo parlato con Gregory Guillaume, vice presidente del reparto design di Kia Motors Europe, che ci ha spiegato: “Inizialmente non era previsto un crossover nella famiglia Ceed. Abbiamo iniziato a pensare a qualcosa di pratico ma anche di esteticamente sorprendente quando ci siamo resi conto che le station wagon non bastavano più, assorbite anche nelle vendite dai piccoli suv urbani. Lavorando sul progetto di un concept, avevamo immaginato proprio quello che poi è stato il risultato finale, una vettura compatta, dal tetto spiovente coupé, spaziosa come suv di dimensioni maggiori e agile come la ProCeed”.

“Per battagliare in un segmento C assai competitivo” - continua Guillaume – “dovevamo per forza proporre un crossover dal look originale, “so sexy”, talmente accattivante  da impressionare il pubblico fin dal primo sguardo. Non ci fermeremo proprio adesso. Nel 2020 arrivano le XCeed ibride, che ereditano i sistemi già sperimentati sulla Niro ibrida plug-in. Tra due anni e mezzo lanceremo il primo restyling. Poi, nel 2024, una seconda generazione, questa volta 100% elettrica”. Riguardo l’effetto visivo, l’esperto designer ha centrato le previsioni.

La XCeed si fa notare subito come un “qualcosa” di moderno, mai visto prima in Casa Kia, sicuramente una bella scommessa, su cui puntare in termini di successo di vendite sul mercato europeo, considerando gli ottimi risultati che continua a ottenere il bestseller Sportage.

A margine della presentazione, Laurent Boulay, direttore generale del reparto design di Kia Europe, ci ha rivelato una curiosità: “XCeed nasce da un’intuizione su un foglio bianco e una mattina, fino ad arrivare sulla scrivania dei top manager. Senza ispirazione, senza quel magico primo disegno, non esisterebbe nessuna forma di comunicazione, tantomeno nascerebbero nuove automobili.”

XCeed arriverà nei concessionari a fine estate. I prezzi non sono stati comunicati, ma dovrebbero partire da 23mila euro.

Tag

Crossover  · Kia  · XCeed  · 

Ti potrebbe interessare

· di Edoardo Nastri

Come va la crossover che completa la famiglia Ceed e che arriva dopo berlina, station e shooting brake. Nel 2020 anche mild hybrid e plug-in. Prezzo da 22.750 euro

· di Luca Gaietta

La Casa coreana ha presentato a Silverstone la versione GT420 della vettura dotata di equipaggiamenti da racing e un motore da 422 cavalli

· di Giovanni Barbero

In un messaggio per il 2019 ai dipendenti Euisun Chung, vicepresidente del gruppo coreano, ha annunciato alcuni degli obiettivi dei prossimi anni