Ultimo aggiornamento  22 settembre 2019 13:53

Ford, 12mila licenziamenti e un tris di modelli.

Redazione ·

Ford cambia volto, almeno in Europa. Il costruttore ha ufficializzato il taglio di quasi un quinto della sua forza lavoro nel vecchio continente, circa 12mila dei 65mila dipendenti attuali. Quasi tutti gli esuberi verranno messi in prepensionamento. La Casa americana conferma la chiusura di cinque impianti: tre in Russia, uno in Francia che si vanno aggiungere alla già annunciata dismissione di Bridgend, la struttura da 1.700 dipendenti nel Galles meridionale. Prevista anche la vendita a Magna Steyr di una fabbrica che si trova in Slovacchia. Alla fine della ristrutturazione - entro il 2020 - Ford disporrà di 18 impianti.

I dipendenti degli di assemblaggio a Saarlouis (Germania) e a Valencia (Spagna) lavoreranno con turni ridotti.

Auto nuove

"Il nostro futuro è radicato nell'elettrificazione", ha detto Stuart Rowley, presidente di Ford Europa. Accanto al taglio di personale e impianti, infatti, il costruttore prevede anche l'arrivo di tre nuovi modelli - entro i prossimi cinque anni - destinati al mercato europeo. In particolare un suv completamente a batteria le cui linee si ispirano alla Mustang.

Tutte le nuove Ford includeranno una versione elettrificata, in vista della necessità di soddisfare le richieste della Unione europea in tema di emissioni di CO2.

Nuovo modello di business

Per affrontare le sfide che si prospettano all'orizzonte il costruttore di Detroit prevede di ristrutturare il proprio modello di business con la creazione di tre differenti divisioni che si occuperanno rispettivamente di veicoli commerciali, vetture tradizionali e dei modelli ispirati alla tradizione che non saranno prodotti in Europa e per i quali l'obiettivo è triplicare - entro il 2024 - le importazioni.

Tag

Europa  · Ford  · Stuart Rowley  · 

Ti potrebbe interessare

· di Edoardo Nastri

Il consiglio di sorveglianza del costruttore tedesco si riunisce tra due settimane: in agenda anche la finalizzazione della partnership con gli americani