Ultimo aggiornamento  08 dicembre 2019 02:25

Wrc, in Sardegna vince Dani Sordo.

Marco Perugini ·

La magia della Sardegna è così forte che nessun uomo può pensare di tenerla tra le mani come un volante, né tantomeno in tasca. Ne è consapevole Ott Tanak, che vede sfumare la vittoria ormai certa del Rally Italia Sardegna nei sette chilometri dell’ultima delle 19 prove: dopo l’improvvisa rottura dello sterzo, l’estone riesce a portare al traguardo la sua Toyota Yaris, ma con un ritardo di un minuto e mezzo da un incredulo Dani Sordo, che centra così il suo secondo successo in carriera con la Hyundai i20. Entrambi conducono una gara perfetta nel weekend, ma la fortuna premia lo spagnolo dello squadrone coreano, che in Sardegna vede uno scatenato Andreas Mikkelsen arrivare terzo dopo aver vinto tutte le quattro crono di domenica e un afflitto Thierry Neuville doversi accontentare del sesto posto.

Ford sugli scudi, Citroën sui carboni

Se da una parte rombano le Ford Fiesta del team M-Sport, con Teemu Suninen secondo e Elfyn Evans che manca il terzo gradino del podio per una manciata di secondi persi nella powerstage finale, le Citroën C3 di Ogier e Lappi non brillano: il francese è addirittura 41° dopo l’incidente di venerdì che lo relega nelle retrovie. Il finlandese non riscatta le ambizioni del marchio transalpino, chiudendo solo settimo con un ritardo di oltre tre minuti. Scontano il weekend nero di Toyota anche Kris Meeke (8° a seguito di forature e qualche errore) e Jari-Matti Latvala, che non va oltre la 19a posizione dopo il cappottamento di venerdì mentre è al comando.

Sorpasso di Tanak in classifica

Nella gara sarda organizzata dall'Automobile Club d'Italia si poteva delineare l’incantesimo iridato di Tanak, che invece deve accontentarsi di 5 punti con cui prende comunque il comando della classifica, ma con solo quattro lunghezze su Ogier e sette su Neuville. Hyundai consolida il primato tra i costruttori a 242 punti, 44 più di Toyota e 72 davanti a Citroën. Più indietro le Ford di M-Sport. Il Mondiale si concede ora la pausa estiva, per tornare ad agosto in Finlandia con il “Mille Laghi”.

Non solo Wrc

In Sardegna vincono anche Kalle Rovanperä in Wrc2 Pro e Pierre-Louis Loubet in Wrc2, entrambi su Skoda Fabia. Sempre in Wrc2, Simone Tempestini sale sul terzo gradino del podio con la Hyundai i20, mentre l’equipaggio di ACI Team Italia formato da Fabio Andolfi e Simone Scattolin incassa ottimi tempi e tanti applausi ma paga a caro prezzo l’inconveniente che venerdì spegne  ogni ambizione di vittoria. Tanti problemi tecnici compromettono la gara di Enrico Oldrati ed Elia de Guio, noni nel Junior Wrc con la Ford Fiesta R2.

Nel Cir vola Basso

Nel Campionato Italiano Rally, weekend favorevole alla Skoda Fabia di Giandomenico Basso e Lorenzo Granai, che con due secondi posti nelle due gare disputate in Sardegna conservano la leadership della classifica, davanti alla Citroën C3 R5 di Luca Rossetti ed Eleonora Mori. Nel Campionato Italiano Rally Terra continuano a dominare i francesi Stephane Consani e Thibault De La Haye su Skoda Fabia R5, mentre nel CIR Junior vincono Marco Pollara e David Castiglioni su Ford Fiesta.

Tag

ACI  · ACI Team Italia  · Citroën  · Ford  · Hyundai  · Rally Italia Sardegna  · Toyota  · Wrc  · 

Ti potrebbe interessare

· di Giovanni Barbero

Il costruttore coreano svela al Salone di Francoforte (12-22 settembre) un'inedita auto da competizione a batterie. "Sta nascendo una nuova era sulla scia del mondo automotive"

· di Marco Perugini

L’estone domina con la Yaris il nono appuntamento stagionale davanti alla C3 di Lappi e all’altra Toyota di Latvala. Ogier e Neuville giocano in difesa

· di Redazione

ACI trova l’accordo con Wrc Promoter Gmbh per svolgere altri tre anni il Mondiale Rally in Sardegna. Intesa fondamentale in un momento di rivisitazione del calendario iridato

· di Marco Perugini

Ott Tanak e Toyota balzano al comando e ipotecano la vittoria. Sordo proverà a rovinargli la festa. Ma il leader della classifica è pronto al tuffo nel porto di Alghero

· di Marco Perugini

Il secondo giorno di gara riserva molti colpi di scena, con tanti big che devono già ridimensionare le proprie ambizioni di vittoria. Andolfi out per incidente