Ultimo aggiornamento  22 agosto 2019 19:32

Regno Unito: arrivano le "telecamere acustiche".

Colin Frisell ·

LONDRA - Il ministero dei trasporti inglese affianca alla lotta all'inquinamento atmosferico anche quella all'eccessivo rumore prodotto da auto o moto truccate. Per farlo - riferisce la Bbc - si stanno già sperimentando sulle strade - sia cittadine che rurali - del Regno Unito delle nuove "telecamere acustiche".

I dispositivi - simili ad autovelox e che si possono applicare alle normali telecamere di controllo del traffico già operative - sono in grado di riconoscere quando un veicolo supera i limiti consentiti dalla legge, che in Gran Bretagna, secondo una legge promulgata nel 2016, è di 74 decibel. In caso di sforamento la telecamera acustica non solo registra il suono, ma è in grado anche di individuarne la fonte e di fotografare la targa, così da consentire l'applicazione di una sanzione al proprietario.

Meno rumore più salute

"L'adozione di questi nuovi strumenti di rilevazione - secondo il ministro dei trasporti Chris Grayling - aiuterà le forze di polizia a individuare i veicoli truccati, garantendo cosi il rispetto della legge. Inoltre, l'inquinamento da rumore crea gravi problemi alla salute: aumenta i rischi di attacchi di cuore, diabete di tipo 2, pressione sanguigna troppo alta e stress".

La Motorcycle Industry Association - che riunisce i costruttori di moto - ha confermato come l'uso delle telecamere acustiche potrebbe essere un ottimo deterrente contro il fenomeno delle due ruote truccate. "Sappiamo - si legge in una nota della associazione - che anche l'industria deve fare la sua parte. Perciò stiamo lavorando a dei sistemi che rendano sempre più difficile cambiare i parametri stabiliti dai costruttori".

La sperimentazione dei nuovi dispositivi durerà almeno fino alla fine dell'anno.

Tag

Autovelox  · Regno Unito  · Telecamera acustica  · 

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

Uno studio di Legambiente: l'inquinamento acustico da traffico provoca danni alla salute e aumenta i costi sociali. Ma le soluzioni ci sono