Ultimo aggiornamento  22 luglio 2019 01:06

Wrc, sorprese ed emozioni in Sardegna.

Marco Perugini ·

Il Rally Italia Sardegna conferma la sua spettacolarità con una serie infinita di colpi di scena nella seconda giornata di gara: Sebastien Ogier sbaglia un taglio di traiettoria e centra una roccia nella miniera di bauxite sul Monte Baranta, vedendosi costretto al ritiro con la Citroën C3; Thierry Neuville accusa un ritardo di oltre un minuto per scelte non proficua delle gomme e una lettura sbagliata del suo navigatore, che lo manda dritto a un tornante; Jari-Matti Latvala interpreta male una curva e cappotta la sua Toyota Yaris mentre era al comando; Fabio Andolfi con la Skoda Fabia di ACI Team Italia finisce fuori e costringe gli organizzatori a interrompere la prima crono della giornata. In totale sono 37 gli equipaggi finora ritirati, a riprova dell'alto tasso tecnico di questa ottava tappa del Mondiale.
Ne approfittano in tre: lo spagnolo Dani Sordo, protagonista di una corsa perfetta con la Hyundai che gli permette di chiudere al comando la seconda giornata; il finlandese Teemu Suninen che conferma la ritrovata competitività della Ford Fiesta del team M-Sport con la seconda posizione a 10 secondi da Sordo; l’estone Ott Tanak, oggi terzo a 11”, che aspetta le crono più impegnative di sabato per puntare alla vittoria con la Toyota.

Il Rally Italia Sardegna entra nel clou

Grandi ambizioni per altri tre piloti: Andreas Mikkelsen con la i20, Elfyn Evans con la Fiesta e Kris Meeke con la Yaris sono a meno di 30 secondi dal leader. Le sei prove speciali in programma nella giornata di sabato 15 giugno saranno decisive. Gli equipaggi lasceranno il parco chiuso di Alghero alle 5:20 del mattino per disputare la crono Coiluna-Loelle alle 8:10, spostandosi poi alle 9:10 sui Monti di Alà, prima di effettuare il salto al Micky’s Jump sul Monte Lerno intorno alle ore 10:00. Le tre stage verranno poi ripetute nel pomeriggio, per un totale di 142 chilometri cronometrati e 484 di trasferimento in una sola giornata.

Corsa verde

Non solo le auto e le bici elettriche dello staff concorrono all’impronta green del Rally Italia Sardegna. A supporto dell’Automobile Club d’Italia che organizza la manifestazione, ci sono anche gli studenti dell’Istituto Superiore Angelo Roth di Alghero che svolgono un ruolo fondamentale nella promozione e sensibilizzazione del pubblico verso i comportamenti virtuosi per l’ambiente: coinvolti in un progetto di alternanza scuola-lavoro, i ragazzi distribuiscono materiale divulgativo con lo slogan “leggi, pensa e diffondi”, da loro ideato.

Tag

ACI  · ACI Team Italia  · Citroën  · Ford  · Hyundai  · Rally Italia Sardegna  · Skoda  · Toyota  · Wrc  · 

Ti potrebbe interessare

· di Marco Perugini

La costanza dello spagnolo viene premiata dalla sfortuna di Tanak, che vede sfumare vittoria e primato negli ultimi chilometri della powerstage finale

· di Redazione

ACI trova l’accordo con Wrc Promoter Gmbh per svolgere altri tre anni il Mondiale Rally in Sardegna. Intesa fondamentale in un momento di rivisitazione del calendario iridato

· di Marco Perugini

Ott Tanak e Toyota balzano al comando e ipotecano la vittoria. Sordo proverà a rovinargli la festa. Ma il leader della classifica è pronto al tuffo nel porto di Alghero

· di Marco Perugini

Come l’anno scorso, il transalpino - ora al volante della C3 - si aggiudica la prova inaugurale del Rally Italia Sardegna. Lappi, Tanak e Meeke lo seguono a meno di 4 decimi

· di Marco Perugini

Alle 17 del 13 giugno scatta l’appuntamento nazionale col Mondiale. Diciannove le prove in programma fino a domenica pomeriggio: 50 equipaggi sui 92 in gara sono italiani

· di Linda Capecci

L'unica tappa nazionale del mondiale - in programma dal 13 al 16 giugno - ha ottenuto un altro successo: la certificazione internazionale di ecosostenibilità