Ultimo aggiornamento  20 ottobre 2019 18:12

Volkswagen, la carica delle 36mila colonnine.

Carlo Cimini ·

Entro il 2025, il gruppo Volkswagen prevede di installare 36mila punti di ricarica destinati alle auto elettriche in tutta Europa - di cui 11mila realizzati direttamente dal brand di Wolfsburg - a fronte di un investimento pari a 250 milioni di euro. Alcune di queste colonnine saranno sviluppate - attraverso il consorzio Ionity - con altri costruttori (Bmw, Daimler, Ford).

“In Germania - così come nel resto del continente - abbiamo urgentemente bisogno di un piano d’azione sulla mobilità elettrica che si concentri sull’infrastruttura di ricarica”, ha commentato Thomas Ulbrich, membro del consiglio d’amministrazione di Volkswagen.

Si parte dalle sedi

Le colonnine saranno installate presso le sedi e le circa 3mila concessionarie del gruppo in tutte le maggiori città. Avvalendosi della collaborazione della consociata Elli (Electric Life) e del suo servizio di ricarica “We Charge”, il costruttore rifornirà anche altre aree più rurali.

Secondo le stime di Volkswagen, in futuro circa il 70% delle operazioni di ricarica avrà luogo a casa o al lavoro. Inoltre, sono previste delle partnership con catene commerciali affinché i possessori di auto a batteria possano ricaricare la vettura a emissioni zero durante lo shopping. In Gran Bretagna, i supermercati del gruppo Tesco - sparsi in tutto il Paese - sono stati tra i primi ad adottare questa politica.

Tag

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Odinzov

I due gruppi vicini a stringere un accordo per lo scambio di sinergie nel settore della guida autonoma e dell'elettrificazione. Per gli americani piattaforma Meb in arrivo

· di Edoardo Nastri

Il gruppo tedesco avrebbe intenzione di produrre in Slovacchia una piccola a zero emissioni da vendere a meno di 20mila euro. In Germania si costruirà un suv compatto a batteria