Ultimo aggiornamento  24 settembre 2019 11:33

La Scozia sfida il cambiamento climatico.

Carlo Cimini ·

"In qualità di primo ministro dichiaro l'emergenza climatica. La Scozia sarà all'altezza di affrontarla", lo ha dichiarato Nicola Sturgeon, primo ministro del governo di Edimburgo. Il suo esecutivo è stato il primo in Europa a lanciare l'allarme sulla tematica ambientale. E a prendere decisioni pratiche per cambiare il corso degli eventi.

La Scozia intende sostituire gradualmente le auto tradizionali (motore benzina o diesel) con quelle a basse emissioni. Già da diversi anni questo è tra i paesi europei con più auto elettriche circolanti. Nel 2018 sono stati immatricolati oltre 10mila veicoli a batteria, il 70% del totale del Regno Unito (14.500 circa).

In generale, le vetture elettrificate sono cresciute del 46% nel 2018, rispetto al 33% nel resto della Gran Bretagna.

Colonnine per tutti

In Scozia l'ansia da ricarica non è pervenuta. I possessori di un'auto elettrica beneficiano di una delle reti più complete d'Europa: quasi mille colonnine accessibili al pubblico, di cui 200 rapide. Il governo locale ha già stanziato 15 milioni di sterline per l'ampiamento dell'infrastruttura pubblica con ulteriori 1.500 colonnine su tutto il territorio.

Nella classifica dei Paesi europei con il più alto numero di auto elettriche immatricolate comanda la Norvegia (46mila unità), seconda la Germania (34.500) e la Francia (31mila). Appena fuori dal podio i Paesi Bassi con 24mila. Chiude la top 5 la Gran Bretagna grazie - soprattutto - al contributo della Scozia. 

Tag

Auto Elettrica  · Scozia  · zero emissioni  · 

Ti potrebbe interessare

· di Patrizia Licata

Il mondo si mobilita per "Fridays for Future". Sondaggio Ue: il 37% degli europei usa alternative all'auto privata. Ambiente in cima alle preoccupazioni nei paesi scandinavi, non...