Ultimo aggiornamento  08 dicembre 2019 01:53

Fca-Renault: stop alla fusione.

Edoardo Nastri ·

Fca ha ritirato la proposta di fusione con Renault. La notizia è arrivata a notte fonda, dopo che il consiglio di amministrazione del costruttore francese ha rinviato per la seconda volta la decisione in merito. “Ritiro con effetto immediato”, si legge sulla nota rilasciata dal costruttore italo-americano, anche se "continuiamo ad essere fermamente convinti della logica evolutiva della proposta".

A causare il dietro front sarebbero state le indecisioni di Renault, in gran parte di natura politica. Il costruttore francese fa sapere di non essere stato in grado di prendere una posizione per via della richiesta del governo francese – proprietario del 15% delle azioni del gruppo - di “rinviare la votazione ad un ulteriore consiglio” che si sarebbe svolto in tempi da definire.

Secondo le indiscrezioni riportate dal Wall Street Journal, i due consiglieri di Nissan presenti nel cda Renault, avrebbero fatto marcia indietro, avanzando invece dubbi sul futuro ruolo e l’impegno del costruttore giapponese se la proposta di fusione fosse passata. 

Fca ora corre da sola

Un nulla di fatto quindi. L’ultima parola è toccata al cda di Fca riunitosi a Londra e presieduto da John Elkann. “Non vi sono attualmente in Francia - si legge nella nota diramata al termine della riunione - le condizioni politiche perché una simile fusione proceda con successo. Fca esprime la propria gratitudine a Renault, Nissan e Mitsubishi, per il loro costruttivo impegno in merito a tutti gli aspetti della proposta. Continueremo a perseguire gli obiettivi implementando una nostra strategia indipendente”. Il gruppo italo-americano - almeno per il momento - correrà ancora da solo. 

Tag

Business  · FCA  · Nissan  · Renault  · 

Ti potrebbe interessare

· di Edoardo Nastri

Secondo quanto riportato dal Wall Street Journal i due costruttori sarebbero in trattativa per la creazione di una nuova società paritetica al 50%

· di Edoardo Nastri

Secondo quanto riportato dall'agenzia Reuters i due costruttori vorrebbero ancora provare a convincere Nissan, alleata del marchio francese, sulla validità della proposta

· di Edoardo Nastri

Il matrimonio che è fallito avrebbe portato in dote una capitalizzazione da circa 50 miliardi, 650mila dipendenti, 23 marchi e 15,7 milioni di automobili vendute ogni anno

· di Giovanni Barbero

Reid Bigland, uno dei più importanti manager del gruppo, accusa l'azienda di "trattamento discriminatorio" dopo la sua collaborazione con l'autorità americana sul caso delle...

· di Francesco Paternò

A matrimonio fallito e salvo ripensamenti, a Fca resta per ora soltanto la strada di alleanze industriali. Mentre i francesi dovranno prima decidere che fare con Nissan

· di Redazione

Il ministro: "Quando la politica cerca di intervenire su questioni economiche, non sempre fa bene". I sindacati parlano di "occasione persa" e sperano la trattativa riparta

· di Redazione

Fca-Renault, per il ministro dell'economia Le Maire c'era accordo su tre delle quattro condizioni per dire si alla fusione, tranne l'appoggio del partner giapponese

· di Edoardo Nastri

Dopo lo stop a Milano, riammessa con un rialzo dell'1% a 11,8 euro. In apertura era sotto del 2,8%. Renault invece perde il 7% a Parigi in apertura

· di Edoardo Nastri

Secondo Reuters il costruttore giapponese sarebbe propenso a entrare nella nuova alleanza, a patto di proteggere le proprie tecnologie sull'elettrificazione

· di Edoardo Nastri

Il gruppo che potrebbe nascere dalla fusione sarebbe il terzo per vendite e il quarto per fatturato al mondo. Se aderissero Nissan e Mitsubishi, diventerebbe il primo