Ultimo aggiornamento  21 agosto 2019 11:03

Lazio, 3 milioni di euro per le strade.

Marina Fanara ·

Il Lazio spenderà 3 milioni di euro per mettere in sicurezza alcuni importanti assi di strade provinciali passati di competenza alla Regione, nello specifico all'Astral la società di gestione pubblica.

Lavori in 4 province

I lavori, che inizieranno entro questo mese di giugno e prevedono il rifacimento del manto stradale e il ripristino della segnaletica, interessano le province di Frosinone (in dettaglio, la SP 20 Piglio-Arcinazzo, la SP 30 Filettino-Capistrello ed SP 275 allacciamento stabilimento Fiat), Latina (SP 2 Cisterna-Campoleone, SP3 Velletri-Anzio ed SP 128 Taverna 50), Viterbo (SP 8 Verentana/Marta, SP 141 Variante Ronciglione, SP 8 Verentana/Capodimonte) e, infine, Rieti (Raccordo SR 57 svincolo Soratte, SP 69 Selvapiana).

Sicurezza, 20 milioni entro l'anno

“Grazie al trasferimento alla Regione delle strade provinciali e ai circa 680 chilometri di strade regionali già trasferite ad Anas", sottolinea Mauro Alessandri, assessore ai Lavori pubblici e alla Mobilità della Pisana, "verrà garantita una continuità territoriale e di gestione delle infrastrutture viarie presenti sul territorio".

"I 3 milioni di euro saranno solo la prima tranche", conclude l'assessore, "entro la fine dell’anno, gli investimenti per la manutenzione e messa in sicurezza dei 650 chilometri di rete provinciale acquisiti dall'Amministrazione regionale ammonteranno complessivamente a circa 20 milioni di euro”.

Tag

Lazio  · Manutenzione  · Sicurezza stradale  · 

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

L'Anas lancia nuovi bandi di gara per la manutenzione di 5mila chilometri di strade. Lavori più veloci e nuove opportunità per le imprese grazie al decreto Sblocca cantieri

· di Marina Fanara

Dopo 12 anni, l'azienda Cotral rinnova la flotta per i collegamenti regionali acquistando 400 nuovi mezzi diesel, su strada entro l'inizio del 2018

· di Marina Fanara

Circa 500 chilometri di ex statali laziali tornano di competenza nazionale, sotto la gestione dell'Anas. Lo stabilisce un accordo stipulato con la Regione