Ultimo aggiornamento  30 novembre 2020 14:52

Il numero uno di Bmw rischia il posto?

Edoardo Nastri ·

La posizione di Harald Krueger, l’amministratore delegato di Bmw, sarebbe in bilico. Secondo indiscrezioni riportate da Bloomberg alcuni membri del consiglio di sorveglianza del costruttore bavarese si stanno chiedendo se sia l’uomo giusto per guidare l’azienda in un futuro sempre più elettrico e a guida autonoma.

Il mandato del manager tedesco è in scadenza questo mese e sono attesi annunci sulla conferma o meno del rinnovo al più tardi a luglio. Persone vicine all’azienda sostengono che qualsiasi possibile successore per il ruolo di ceo sarà scelto all’interno del gruppo e che Oliver Zipse, al momento responsabile della produzione, potrebbe essere uno dei favoriti.

Futuro elettrificato

Come molti altri costruttori, Bmw sta vivendo  la fase cruciale della transizione alla mobilità elettrica ed elettrificata. Nel 2011 è stato lanciato il marchio Bmw i, dedicato alle vetture a zero o basse emissioni. I modelli che appartengono a questo brand crescono costantemente. Nel 2018 sono state vendute oltre 100mila unità, il 50% in più rispetto all’anno precedente. Nella strada verso l’elettrificazione la Casa tedesca ha scelto di saltare il passaggio dall’ibrido tradizionale, proponendo da subito modelli ibridi plug-in.

Per ciò che riguarda il 100% elettrico, Bmw sta sviluppando la sua quinta generazione di motori a emissioni zero. Il nuovo propulsore verrà presentato il prossimo anno contestualmente al lancio della suv iX3. 

Tag

BMW  · bmw i  · harald krueger  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Borgognone

Il presidente e ceo del marchio bavarese ha annunciato che non correrà per un secondo mandato. Il successore dovrebbe essere indicato dopo il 18 luglio

· di Edoardo Nastri

Il gruppo premium tedesco è stato tra i primi a fondare un brand dedicato alla mobilità a zero o basse emissioni. Ecco le sue prossime mosse