Ultimo aggiornamento  15 settembre 2019 09:35

Bolt, un fulmine di monopattino.

Valerio Antonini ·

Il mercato Usa dei monopattini elettrici in condivisione ha un nuovo protagonista: si chiama Bolt. E' veloce, quasi imprendibile. Come l'omonimo campione olimpico giamaicano Usain, l'uomo che ha stracciato tutti i record sui 100 e 200 metri (8 ori olimpici staffette comprese), scelto come ambasciatore e testimonial del brand.

Fondata nel 2018 a Miami e diffusa negli Stati Uniti, Bolt è appena sbarcata anche sul Vecchio continente. I primi dieci e-scooter sono già operativi a Parigi. L'azienda conta di raggiungere entro il 2020 almeno 20 città europee. Ce ne sarà anche qualcuna italiana?

Velocità e prestazioni

Bolt è una piattaforma che mette a disposizione una flotta di e-scooter di alta qualità, noleggiabili attraverso una semplice app per smartphone. La gamma è di tre modelli: quello base Original, la variante per esperti One e il più compatto, leggero e performante Chariot. Viaggiano completamente a batteria e sono costruiti su un telaio in alluminio dotato di impugnature ergonomiche. Hanno un doppio poggiapiedi per una visuale a 180 gradi. Montano fanaleria anteriore e posteriore, pneumatici “all terrain” multifunzionali da 10 pollici e un porta cellulare. Sono veloci perché leggeri (pesano 8 chili). Original raggiunge i 15 chilometri all'ora. Le varianti One e Chariot arrivano a 20. Trasportano un carico massimo di 90 chilogrammi e hanno un vano in grado di contenere una borsa o uno zaino.L'affitto costa 1 dollaro per sbloccare il mezzo e 15 centesimi al minuto.

Mister record

Usain Bolt, secondo l’emittente televisiva Espn, è il settimo sportivo più famoso al mondo. Campione olimpico e record-man sui 100 metri, è lui stesso un appassionato di micro-mobilità. Recentemente è stato fotografato all’aeroporto di Heathrow (Londra) mentre si spostava da un terminal all’altro con un hoverboard, la tavola auto-bilanciata detta anche volo-pattino.

L'olimpionico nativo di Sherwood Content, Giamaica, ha girato per Bolt uno spot promozionale a New York, dove però i monopattini elettrici sono vietati, con multe fino a 500 dollari e sequestro del mezzo. Una semplice provocazione? Will Nicholas, vice-presidente esecutivo della società, ha risposto che si è trattato, in realtà, di una mossa per sensibilizzare le autorità newyorkesi alla legalizzazione degli e-scooter. Funzionali soprattutto in città particolarmente trafficate dal traffico come la “Grande Mela”, che sta pensando di inaugurare presto una Congestion Charge, una zona a traffico tariffato in centro.

Tag

Bolt  · Monopattino  · USA  · Usain Bolt  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Odinzov

“Che senso ha muovere un oggetto che pesa centinaia di chili per trasportare una sola persona?". Come il marchio sperimenta per il gruppo Volkswagen soluzioni di micromobilità