Ultimo aggiornamento  14 dicembre 2019 08:47

Museo Ducati, due ruote da collezione.

Antonio Vitillo ·

BORGO PANIGALE - A Bologna c'è un luogo fra i più visitati della città che trasuda storia e leggenda. Un luogo che raccoglie i 90 anni di storia della Ducati, esposti all’interno di un Museo negli stabilimenti di Borgo Panigale. Quello del marchio a due ruote è uno fra i quattro musei bolognesi più popolari: sono stati oltre 650mila i visitatori dal 1998, anno della sua fondazione. Abbiamo approfittato degli appuntamenti della Motor Valley Fest - im programma in tutta la zona emiliano romagnola dal 16 al 19 maggio - per scoprire i segreti dell'esposizione della "rossa" a due ruote.

Percorsi diversi

Basata sui valori fondanti la Ducati, cioè la ricerca della perfezione, dello stile e delle prestazioni, la Mostra Ducati è organizzata in differenti percorsi espositivi. Uno riguarda le moto di produzione che hanno caratterizzato le diverse epoche. In un altro, attraverso i 15 modelli Ducati in pedana, si racconta l’evoluzione culturale del nostro Paese dal 1946 ad oggi.

Un’area vede come protagoniste del progetto espositivo forme e design, mentre le moto da corsa sono le interpreti principali di un'altra sala, esemplari leggendari che sono associati, oltre che ai trofei conquistati, alle tute dei piloti vincitori nei differenti campionati mondiali. Non mancano i “racconti” degli aneddoti, la descrizione dei personaggi.

Digital Museum

Attraverso la guida digitale, una web App consente di partecipare ad un’esperienza particolarmente realistica, nella quale il visitatore può accedere ai contenuti extra scegliendo fra due modalità: la “visita guidata” e i “percorsi narrativi”.

L'ospite può anche richiedere una visita guidata in fabbrica o al laboratorio di Fisica in Moto. Il Museo Ducati, nell’attuale orario estivo, è aperto dalle 9,00 alle 18,00, mercoledì escluso.

Tag

Borgo Panigale  · Ducati  · Motor Valley Fest  · Museo  · 

Ti potrebbe interessare

· di Angelo Berchicci

Il Ceo di Volkswagen dichiara il suo amore per il marchio a due ruote e sembra smentirne una possibile cessione "Un mito non si possiede, si eredita e lo si preserva per il futuro"...

· di Edoardo Nastri

Alla ricerca di auto capolavoro: basta andare al Museo Ferrari, a quello Lamborghini, passando per le collezioni private di Panini e Righini