Ultimo aggiornamento  14 dicembre 2019 22:29

103^ Targa Florio: torna la storia.

Chiara Iacobini ·

Torna la Targa Florio, forse la più leggendaria competizione motoristica al mondo. La gara organizzata dall’AC Palermo in collaborazione con Automobile Club d’Italia giunta alla sua 103esima edizione, vedrà al via quest'anno i migliori protagonisti del Campionato Italiano Rally e non solo. "A Cursa" è infatti valida per il CIR Autostoriche, il Campionato Rally di 8^ Zona e il tricolore Regolarità a Media.  

Tra storia e attualità

L'attesa è grande soprattutto perché quest'anno tornano alcune delle prove che hanno fatto la storia della classica siciliana nelle sue varie edizioni: come la speciale che partirà dalle Tribune di Cerda. Un percorso dunque che è anche - almeno parzialmente - un omaggio alla tradizione: le prove interesseranno per la prima volta tratti del piccolo, medio e lungo circuito delle Madonie dopo la risistemazione delle strade.

Tutti i protagonisti

Per il rally moderno il percorso comprende ben 17 tratti cronometrati, pari a 151,35 chilometri, su un percorso totale di 558,56. Per lo scudetto occhi rivolti a Giandomenico Basso e alla Skoda Fabia R5. Il vincitore al Ciocco e terzo a Sanremo si presenta insieme a Lorenzo Granai col compito di difendere il primo posto nella classifica tricolore. Nonostante l’assenza di Craig Breen, che ha vinto il precedente appuntamento del CIR gli avversari restano quanto mai agguerriti. I principali saranno Simone Campedelli insieme a Tania Canton con la Ford Fiesta R5 e Luca Rossetti navigato da Eleonora Mori su Citroen C3 R5, quest'ultimo al debutto sulle strade delle Madonie.

Tra i possibili protagonisti della edizione 103 della "Cursa" si annoverano anche Andrea Crugnola, sempre molto veloce con la Volkswagen Polo R5, con un grande potenziale per lottare sia per la vittoria parziale che per quella nel tricolore fino a Rudy Michelini, su Skoda Fabia R5 della Movisport. Il toscano primo nel tricolore asfalto dovrà difendersi dagli attacchi di Stefano Albertini,Skoda, Antonio Rusce, VW Polo e Kevin Gilardoni Hyundai I2, Marcello Razzini e il pilota di casa Alessio Profeta, entrambi su a Fabia R5. 

La gara siciliana è valida anche per il Campionato Italiano 2 Ruote Motrici, ed il Campionato Italiano R1. 

Le prove

La 103esima Targa Florio avrà ufficialmente inizio nel cuore di Palermo:  seguire la prova spettacolo, a Termini Imerese. Seguirà la prova Cefalù da 14,70 chilometri, da ripetere due volte. Sabato 11 si riparte con le speciali che in tutto saranno 17: Tribune da 6.350 metri, Targa da 13,27 chilometri, Scillato-Polizzi 1 (14,97), Geraci, Bergi e infine la 9 di Collesano.

Tag

AC Palermo  · Automobile Club  · Palermo  · Targa Florio  · 

Ti potrebbe interessare

· di Daniele De Bonis

Il pilota di Cerda, sulla Subaru Legacy, fa il poker nella gara di casa, dominata fin dalla prima speciale. Ora è leader del Campionato Italiano Rally Auto Storiche

· di Chiara Iacobini

Il pilota di Cesena su Ford Fiesta ST ha vinto la "Cursa", dopo una gara molto combattuta. Sul podio Rossetti e Crugnola. Prossimo appuntamento del CIR al Rally Italia Sardegna