Ultimo aggiornamento  14 novembre 2019 14:46

Mercato auto: è boom di piccole.

Paolo Odinzov ·

In Italia le “piccole” fanno da traino al mercato dell’auto che ad aprile per la prima volta da inizio anno chiude con il segno più. Nel quarto mese dell’anno il segmento “A” ha fatto registrare un aumento delle immatricolazioni del 23,2%, pari a quasi 6mila unità in più). Ed ha superato per incremento di targhe anche quello dei suv che è l'altra tipologia ad essere cresciuta con percentuali tra il 4 e il 10% in funzione delle dimensioni (in evidenza i B-suv, i modelli più compatti).

Le regine della categoria

L’exploit delle city car è dovuto principalmente alla performance della Fiat Panda: la best seller torinese, prodotta in Campania a Pomigliano, rimane in testa alla graduatoria e fa segnare ancora una volta un mese di crescita (+53,6%) con 14.001 unità (quasi 5.000 in più rispetto a marzo). Al secondo posto nella classifica del segmento si posiziona ancora la Fiat 500 che perde però il 6,4% con 3.953 unità, seguita dalla Opel Karl (1.762 unità).

Panda al top anche in Europa

L’incremento di aprile è in controtendenza rispetto al dato nel mese di marzo (-8,7%) ma anche al numero di vendite registrate dal segmento A durante il primo trimestre dell’anno (-1,2%). In negativo anche l'andamento dei primi 3 mesi in Europa: le piccole perdono il 2%. Non cambia però la scelta dei consumatori riguardo ai primi due modelli più richiesti che rimangono in ordine la Fiat Panda (53.066 unità +13%) e la Fiat 500 (47.483 -15%). Mentre terza è la Toyota Aygo (27.131 +3%).

Tag

Fiat Panda  · Mercato auto  · mercato auto europa  · Segmento A  · 

Ti potrebbe interessare

· di Edoardo Nastri

Il valore d'acquisto degli stipendi medi nel nostro Paese è calato del 12% in 10 anni mentre i listini delle vetture nuove aumentano. In calo i prezzi dell'usato

· di Samuele Maria Tremigliozzi

Il Vecchio continente registra ancora un calo nelle immatricolazioni. L'Italia maglia nera tra i mercati principali, -9,6%. Da gennaio 2019 perse in tutto 136mila unità, il -3,2%

· di Edoardo Nastri

Continua il trend negativo. Tra i marchi male Fiat (-22%), Volkswagen (-3,4%) e Ford (-21%). Giù il diesel (-22,6%), su il benzina (10,7%). Ecobonus non pervenuto