Ultimo aggiornamento  07 dicembre 2019 16:08

L'auto tedesca va sulla Luna.

Carlo Cimini ·

Dopo Cina, Stati Uniti - dove Musk con Space X promette di portarci tutti su Marte - e persino il piccolo Lussemburgo, anche la Germania vuole entrare nel "mercato spaziale" delle missioni esplorative ed estrazione di risorse eccezionali. L'obiettivo principale è attirare nuovi investimenti privati per assicurarsi un posto in un settore in continua evoluzione che, in prospettiva, potrebbe valere mille miliardi di dollari ed essere prezioso anche per il mondo automotive. Che infatti non sta a guardare e vuole fare la propria parte.

Matthias Wachter, esperto aerospaziale della Federazione tedesca dell'industria Bdi, afferma che i progressi nello spazio sono fondamentali per lo sviluppo delle tecnologie future come la guida autonoma.

Negli anni passati il marchio tedesco Audi ha sostenuto il progetto internazionale "Part Time Scientists", fornendo supporto tecnico a un gruppo di scienziati berlinesi che ha partecipato al "Google Lunar X Prize" con lo scopo di progettare un mezzo in grado di muoversi sulla superficie lunare.

La Luna come miniera

La Germania è la potenza economica dell'Europa e la quarta economia mondiale. Aziende e gruppi industriali spingono le autorità tedesche a stabilire un quadro normativo per il nuovo mercato e incoraggiare gli investimenti privati. La nuova legislazione limiterebbe le responsabilità finanziarie e legali delle società private in caso di incidenti in orbita, offrendo incentivi per nuovi progetti. Il commissario aerospaziale e spaziale del ministero, Thomas Jarzombek, potrebbe presentare le leggi al Parlamento entro la fine di quest'anno. 

"Puntiamo a delle normative che siano aperte al futuro", ha affermato una portavoce di Jarzombek e del ministero dell'Economia. "Questa dovrebbe concentrarsi soprattutto sugli incentivi e consentire all'industria spaziale tedesca di svolgere un ruolo più importante negli sviluppi globali". Berlino sta anche pressando le Nazioni Unite per stabilire gli standard per l'estrazione mineraria sulla Luna, asteroidi e altri oggetti nello spazio. 

Primo modulo in arrivo

Attualmente, il governo tedesco sta portando a termine - presso lo stabilimento di Brema - la produzione del primo modulo di servizio europeo (Esm) di proprietà Airbus - costruttore di aeromobili che in passato ha collaborato con alcuni dei più importanti costruttori automobilistici, come Audi e Italdesign - in consegna per l'Orion Spaceship della Nasa, ancora oggetto di test intensivi presso il Kennedy Space Center di Cape Canaveral che sarà utilizzato nella prossima missione verso la Luna. Le stelle (e le Case auto) staranno a guardare.

Tag

Airbus Group  · Germania  · Spazio  · 

Ti potrebbe interessare

· di Sergio Benvenuti

Il governo di Tokyo accelera per una mobilità aerea urbana. Contattate Uber e Airbus e altre 20 compagnie internazionali. La road map completa entro la fine dell'anno