Ultimo aggiornamento  22 settembre 2019 09:46

New York, un Salone difficile.

Paolo Odinzov ·

Oltre un milione di visitatori attesi e più di mille veicoli sistemati lungo 90mila metri quadrati di esposizione: sono questi i numeri del Salone di New York che si svolge dal 19 al 28 aprile. Lo show della Grande Mela anche quest’anno proverà a rubare la scena al Motor Show di Shanghai, in programma quasi in concomitanza dal 16 al 25 aprile e aperto ogni due anni dal 2004 in alternanza con il Salone di Pechino.

La mostra d'oltreoceano dovrà inoltre come da tradizione spartirsi la torta e fare i conti, quanto a partecipazione delle Case e del pubblico, con le altre rassegne americane che trattano il settore all’auto e godono al momento di maggiore visibilità. In ordine di apertura il Ces di Las Vegas ormai invaso anche dai costruttori di vetture, il Naias di Detroit e il Los Angeles Auto Show.

Le politiche ambientaliste di Bill de Blasio

Quello di New York è poi questa volta un salone destinato per forza di cose a prestare il fianco a polemiche e discussioni, viste le recenti politiche ambientaliste del sindaco della città Bill de Blasio. Da ultimo l’intenzione di imporre una tassa sul traffico a chiunque voglia recarsi a bordo del proprio veicolo sotto la 60esima strada, ovvero al confine tra la zona “Upper” (East o West) e Midtown alle pendici di Central Park già chiuso definitivamente alle auto dal luglio 2018.

Suv e crossover in prima linea

Tra le novità pronte a farsi ammirare in anteprima dento le enormi hall del Jacob Javits Convention Center sul lato ovest di Manhattan ci sono soprattutto suv e crossover. Del resto non poteva andare altrimenti, visto che gli Usa sono la terra d'origine di questo tipo di veicoli. Ad esempio le nuove generazioni di Mercedes GLS e Toyota Highlander, caratterizzate da un abitacolo a 7 posti e proposte anche con motorizzazioni elettrificate. Oppure la lussuosa Lincoln Corsair, modello a ruote alte estremamente compatto del lussuoso brand di Ford. E la nuova della Subaru Outback che abbandona il tradizionale 6 cilindri da 3.6 litri per adottare un più piccolo quattro cilindri turbo da 260 e 182 cavalli.

Mentre Maserati punta a sorprendere, per riguadagnare il terreno perso ultimamente anche in Usa, con la Levante S Q4 Gransport 2019 vestita nell’abitacolo da Ermenegildo Zegna.

Berline e supercar

Non mancano poi ad animare New York diverse berline esclusive e potenti, come pure rombanti supercar. Tra queste la Genesis G90, ammiraglia di punta del top brand Hyundai. Le sportive Mercedes Amg A 35 e CLA 35 e la Porsche 911 Speedster.

Concept e prototipi

Infine tanti prototipi. Regine della categoria a rubare gli sguardi al Salone americano sono la Hyundai Venue che prefigura un futuro crossover compatto lungo 4 metri del marchio. E la Kia Habaniro, anche lei destinata ad arricchire il segmento dei piccoli suv e caratterizzata da una linea avveniristica che apre un nuovo corso di design per la Casa coreana.

Ti potrebbe interessare

· di Giovanni Passi

La Casa del Biscione espone all'evento Usa (19/28 aprile) la versione sportiva di Giulia e Stelvio in allestimento "Nring". Saranno disponibili in soli 55 esemplari ciascuna

· di Samuele Maria Tremigliozzi

La Casa giapponese ha portato al Salone di New York (19/28 aprile) celebra il 50esimo anniversario della supercar con un'edizione speciale

 

 

· di Giovanni Passi

Il suv tedesco è al Motor Show statunitense (19/28 aprile) nella sue versioni sportive rinnovate. Tanti aggiornamenti tecnologici per sfidare la concorrenza connazionale e no

· di Edoardo Nastri

La concept car debutta al Salone di New York (17-28 aprile) con un pacchetto tecnologico all'avanguardia che comprende anche la guida autonoma

· di Giovanni Barbero

Il costruttore coreano ha annunciato il nome del nuovo crossover che vedremo al Salone americano (18-25 aprile). Sarà sul mercato dal 2020