Ultimo aggiornamento  16 settembre 2019 11:22

Uber corre a Wall Street.

Paolo Odinzov ·

Uber sbarca a Wall Street. La società ha depositato presso la Sec la documentazione per quotarsi e la notizia ha già fatto il giro del mondo mettendo in allerta investitori e speculatori. Nella documentazione non ci sono ancora i dettagli dell'Ipo, a caccia sul mercato di 10 miliardi con una valutazione che potrebbe salire oltre i 100. La più ricca dell’anno e fra le dieci maggiori di tutti i tempi nel comparto tecnologico, dove l’ultima mega-operazione risale al 2014 con l'entrata in Borsa del gigante cinese dell’e-commerce Alibaba, con un valore di oltre 200 miliardi.

La lezione di Lyft

Stando a quanto riportato dal Financial Times, Uber prevede di dare il via al suo roadshow per gli investitori il 29 aprile che porterà alla quotazione a New York il prossimo 10 maggio. Solo allora ci saranno gli estremi per capire se puntare sul colosso di San Francisco. Questo considerando anche come sono andate le cose con Lyft, principale competitor di Uber, sbarcato a Wall Street lo scorso marzo per navigare a vista. Dopo una impennata del titolo il primo giorno fino a 72 dollari, è scesa rapidamente a 66-67 dollari, deludendo gli investitori.

Le incognite per gli investitori

Secondo il prospetto alla Sec, Uber ha perso tra il 2014 e il 2018 ben 6,8 miiiardi di cui 4 nel solo 2017. L'anno scorso ha invece fatto un utile di 997 milioni, grazie a cessioni in Russia e in Asia. Anche se nel quarto trimestre ha segnato un rallentamento: +24% dopo un +70% nel primo trimestre, +63% e +38% nel secondo e terzo trimestre. 

Diversificare le attività

Dara Khosrowshahi, numero uno di Uber, ha comunque espresso ottimismo: “Non saremo timidi nell'investire e nell'affrontare sacrifici finanziari di breve termine quando vedremo vantaggi chiari nel lungo periodo". La ricetta vincente, secondo il manager, è diversificare le attività, come già fatto con Uber Eats per la consegna di pasti che ha triplicato le entrate a 1,5 miliardi. La prossima mossa è adesso la micromobilità con monopattini autonomi, motorini e bici che Uber ha già lanciato con successo in Europa a Madrid e Parigi.

Tag

Uber  · Wall Street  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Borgognone

La start up estone Bolt sfida il gigante americano del ride hailing in Europa e in Africa. Prossima battaglia: Londra. Ma i concorrenti crescono in tutto il mondo

· di Paolo Borgognone

Secondo Reuters la finanziaria e il costruttore giapponesi sarebbero intenzionati a sovvenzionare la divisione della start up che si occupa dello sviluppo delle autonome

· di Giovanni Barbero

La società californiana punta a offrire servizi in ogni settore della mobilità prima di quotarsi in Borsa: noleggio con conducente, scooter e biciclette condivise e ...