Ultimo aggiornamento  22 ottobre 2019 05:22

La svolta verde di Bologna.

Marina Fanara ·

Anche Bologna è pronta a dire addio ai diesel. La Giunta ha appena approvato un pacchetto di provvedimenti che stabiliscono lo stop progressivo ai veicoli più inquinanti nel cuore della città denominata ora ztl ambientale, anche ai residenti.

Si inizia dal 1° gennaio 2020 quando non saranno più validi tutti i contrassegni relativi ai veicoli Euro 0 diesel, benzina, Gpl e metano. Nel 2020 toccherà agli Euro 1 (diesel e benzina), mentre dal 2022 al 2025, anno per anno, sarà interdetto il transito rispettivamente agli Euro 2,3, 4 e 5 esclusivamente a gasolio.

L'obiettivo, spiega una nota del Comune, è migliorare la qualità dell'aria a cominciare dalle zone a maggior pregio dal punto di vista ambientale e architettonico, in coerenza a quanto previsto dal Piano aria integrato regionale (Pair 2020), e rispettare i livelli limite sulle emissioni stabiliti da Bruxelles per il 2020. "Abbiamo deciso di dare una svolta verde alla nostra città", sottolinea il sindaco Virginio Merola, "per una Bologna più salubre e sostenibile".

1.000 euro per bus e sharing

In contemporanea, per venire incontro alle esigenze dei cittadini alle prese con i nuovi divieti, l'Amministrazione ha deciso di concedere buoni mobilità: tutti i residenti a cui sarà revocato il contrassegno e rinunceranno a chiederne uno nuovo avranno diritto a un contributo fino a 1.000 euro l'anno da spendere in servizi di trasporto alternativi all'auto di proprietà (bus, taxi, noleggio, car e bike sharing).

Per quanto riguarda la sosta, dal 1° gennaio 2020, i residenti della ztl ambientale avranno diritto al contrassegno per il parcheggio gratuito limitatamente a una sola auto per nucleo familiare. Un eventuale secondo o terzo permesso sarà a pagamento (120 euro l'anno).

Agevolazioni per famiglie e anziani

Avranno comunque diritto al contrassegno, a prescindere dalla classe Euro della propria auto, le famiglie meno abbienti (Isee inferiore ai 14mila euro). Gli over 70 che dovranno rinunciare al pass potranno usufruire dell'abbonamento gratuito ai mezzi pubblici per dieci anni.

Ricordiamo, infine, che a Bologna i bambini fino a 13 anni già da tempo viaggiano gratis sui bus urbani. Con le nuove disposizioni sono previste agevolazioni anche per le famiglie che hanno ragazzi più grandi (14-19 anni): sconto del 50% per il secondo figlio e abbonamento gratuito dal terzo in poi.

Tag

Bologna  · Incentivi  · Restrizioni circolazione  · Trasporto Pubblico  · Ztl  · 

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

A tanto ammontano le risorse messe in campo dal Comune per spingere i cittadini a usare mezzi alternativi nei percorsi casa-scuola e casa-lavoro: due ruote, bus e auto condivisa

· di Marina Fanara

In servizio i primi veicoli di trasporto pubblico con carburante prodotto da Hera e ricavato da scarti organici. Quattro i distributori per auto private

· di Marina Fanara

In tre mesi 25mila corse e 240mila chilometri, secondo un primo bilancio del Comune. A marzo raddoppia la flotta: con 240 vetture diventa quinto in Europa

· di Marina Fanara

Bollino rosso per le polveri sottili: da venerdì 11 a lunedì 14 gennaio nuove restrizioni al transito dei veicoli nel capoluogo, in 10 comuni dell'hinterland e a Imola