Ultimo aggiornamento  18 agosto 2019 02:31

Mercato Italia: marzo in calo.

Edoardo Nastri ·

Prosegue il trend negativo del mercato dell'auto in Italia che dura ormai da 5 mesi. Secondo i dati riportati dai nostri partner di DataForce, a marzo sono state immatricolate nel nostro paese 194.234 vetture, il 9,5% in meno dell’anno precedente, una flessione pari a 20.409 unità. Al decremento hanno contribuito tutti i canali di distribuzione, compreso quello dei privati, che però resta in attivo sull’anno precedente nel cumulato trimestrale (+4,95%). Da evidenziare la decrescita del noleggio a lungo termine -7,7%.

Fiat in caduta libera

Fiat mantiene il comando delle immatricolazioni italiane ma è in continua flessione. Il costruttore ha targato nel mese di marzo 32.025 unità, il 22% in meno rispetto all’anno precedente, che arriva dopo i risultati negativi di febbraio (-18%) e gennaio (-29,2%). La quota di mercato di Fiat scende, rispetto al 2018, di oltre tre punti percentuali e si attesta al 15,5%.

La Panda si conferma il modello più venduto anche a marzo con 13.718 unità, in crescita del 3% rispetto al 2018. Al secondo posto c’è la Lancia Ypsilon (+15,5% di cui 21% chilometri zero), terza la Fiat 500 che però perde il 22,4%.

Gli altri marchi

Al secondo posto tra i marchi c’è Volkswagen. Il brand tedesco ha immatricolato 17.539 auto nuove contro le 18.151 dello scorso anno pari al 3,4% in meno. La T-Roc continua a registrare risultati positivi. Dopo aver quadruplicato le vendite a gennaio e aver registrato un +155% a febbraio, nel mese di marzo le vendite della crossover sono aumentate del 76%.

Ford occupa il terzo gradino del podio. Anche il costruttore americano però chiude il terzo mese del 2019 in negativo con 12.322 nuove targhe (-21%). Segue quasi a pari merito Renault: 12.233 vetture (-12,2%).

Ecobonus inefficace

Continua il calo delle motorizzazioni diesel. Le vendite delle vetture a gasolio sono diminuite del 22,6%, mentre crescono del 10,7% le immatricolazioni delle auto a benzina. Calano per mancanza di prodotto le vetture alimentate a metano: -33,5% pari a 1.700 unità in meno.

Le elettriche aumentano del 44% anche se le cifre rimangono irrisorie. A fronte di una quota di mercato dello 0,24% i nuovi esemplari immatricolati sono stati solamente 209. Come prevedibile l’effetto sperato dall’erogazione dell’ecobonus non c’è stato. Bene le ibride che registrano una crescita di 35,5 punti percentuali pari a 10.253 unità immatricolate. Di queste hanno goduto del bonus meno di 400 vetture.

I segmenti

I suv continuano a crescere. In particolare le crossover di segmento C sono aumentate del 16,2% (quasi 5mila unità in più), quelle dei segmenti A e B hanno registrato una crescita più misurata del 3,2%. Tutte le altre architetture sono in perdita. 

Tag

Dataforce  · Mercato auto  · mercato italia  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Odinzov

Nel nostro Paese la vetture di segmento "A" hanno registrato ad aprile un incremento delle vendite del 23,2% in controtendenza con il dato europeo del primo trimestre

· di Edoardo Nastri

Dopo sei mesi in negativo le vendite tornano a crescere (+1,59%). Tra i marchi, Fiat pareggia, Volkswagen cresce (5,6%) e Ford perde (-8%). Inconsistente effetto del "malus"

 

· di Samuele Maria Tremigliozzi

Il Vecchio continente registra ancora un calo nelle immatricolazioni. L'Italia maglia nera tra i mercati principali, -9,6%. Da gennaio 2019 perse in tutto 136mila unità, il -3,2%

· di Edoardo Nastri

Mentre le Case espongono le loro novità, i dati di marzo in Cina rivelano un -7% nelle immatricolazioni. Crescono i veicoli a zero emissioni (+85%)

· di Edoardo Nastri

Ancora numeri in negativo. Male Fiat (-18%), Volkswagen (-1,6%) e Ford (-11,2%). Diesel precipita del 19,6%. Bene solo il canale privati (+12,1%)