Ultimo aggiornamento  14 novembre 2019 15:23

Guida autonoma, la ricerca è per tutti.

Carlo Cimini ·

L'unione fa la forza. Aptiv, società inglese, lancia questo messaggio e apre i confini della ricerca sulla guida autonoma. Debutta così nuScenes, un cloud open-source (una banca di memoria dati gestita da remoto) dedicato allo sviluppo della tecnologia driverless, attraverso il quale qualunque azienda interessata alla materia potrà attingere o condividere i propri studi. Una vera e propria sfida, in un settore in cui sono all'ordine del giorno i casi di dati rubati. 

Ricerca aperta

Aptiv è la prima società a pubblicare tutte le informazioni ottenute dai test su strada. Come primo passo, l'ex divisione tecnologica di Delphi ha deciso di inserire su nuScenes i dati raccolti dai sensori dei prototipi attualmente in circolazione.

Sulla piattaforma si può accedere a mille file registrati con scene di guida urbana riprese da radar, telecamere e sensori Imu e Gps. Un totale di 1 milione e 400mila immagini, 390mila fasci lidar, 1 milione e 400mila di bounding boxes (wire frame dove sono visibili le sagome umane, di auto e oggetti).

Anche Volvo

La stessa idea di condividere dati - anche se in un campo differente - è alla base del progetto E.V.A. di Volvo che rende disponibili a tutti le conoscenze accumulate dal marchio svedese in questi decenni in materia di sicurezza stradale.

Tag

Aptiv  · Guida Autonoma  · 

Ti potrebbe interessare

· di Elisa Malomo

La Oregon State University abbatte i costi degli studi sulla guida autonoma grazie all'utilizzo di vetture in scala 1:10. Al progetto fondi per 1,5 milioni di dollari

· di Paolo Odinzov

Lo sostiene un rapporto della Society of Motor insieme a Frost&Sullivan: il Paese è avanti su investimenti e ricerca per un business di oltre 62 miliardi di sterline

· di Paolo Odinzov

La società inglese e l'altra americana permetteranno ai visitatori del salone dell'elettronica di viaggiare a bordo di veicoli completamente automatizzati