Ultimo aggiornamento  20 novembre 2019 16:09

Guida autonoma, alleanza giapponese.

Carlo Cimini ·

La guida autonoma può contare su una nuova alleanza. Tutta giapponese. Costruttori e aziende tecnologiche del Sol Levante insieme per accelerare lo sviluppo della tecnologia driverless. Si tratta di Honda e Hino (Casa specializzata in veicoli commerciali) che si sono unite alla joint venture Monet Technologies siglata tra SoftBank (holding finanziaria multinazionale) e Toyota.

Obiettivo 2023

Secondo l'accordo Honda e Hino - di cui Toyota detiene una quota di maggioranza - investiranno circa 250 milioni di yen (2,27 milioni di dollari) in Monet Technologies, acquisendone così ognuna il 10%. SoftBank rimane con una partecipazione del 40,2%, mentre Toyota del 39,8%.

"Più Case automobilistiche riusciremo a coinvolgere nella partnership, più intelligente sarà la nostra piattaforma", ha detto Junichi Miyakawa, amministratore delegato di Monet e chief technology officer di SoftBank. La joint venture si è posta l'obiettivo di lanciare in Giappone servizi di autobus a guida autonoma a partire dal 2023, utilizzando gli sviluppi del concept Toyota e-palette, un veicolo multiuso squadrato simile a uno shuttle, lo stesso che servirà da mezzo di spostamento per le delegazioni internazionali presenti alle Olimpiadi di Tokyo 2020.

Inoltre, Monet ha confermato la creazione di un consorzio che riunisce 88 aziende giapponesi, tra cui Coca-Cola Bottlers Japan, il produttore di bevande Suntory Holdings e Yahoo Japan per sviluppare una rete di consegna dei prodotti anche al dettaglio.

Tag

Guida Autonoma  · Hiro  · Honda  · Monet Technologies  · SoftBank  · Toyota  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Borgognone

I costruttori annunciano una cooperazione strategica con al centro il marchio delle city car. Dal 2022 una nuova versione 100% elettrica verrà prodotta in Cina

· di Paolo Odinzov

Il costruttore porta al 75% la sua quota in Brilliance: è il primo produttore estero a controllare una società nella Repubblica Popolare, grazie alla nuova legge