Ultimo aggiornamento  20 gennaio 2020 22:27

McLaren, lavori in corso.

Edoardo Nastri ·

WOKING - A cinquanta chilometri da Londra si costruiscono sogni. Il quartier generale di McLaren è un edificio in vetro e metallo disegnato da Norman Foster e si trova al centro di 500mila metri quadrati di prati verdissimi, ovviamente tagliati all’inglese. Uno spazio unico nel suo genere al cui interno si trovano, oltre a un lago artificiale, il Technology Center e l’impianto produttivo che ha addirittura una parte sotterranea.

Il costruttore britannico vuole fare sul serio aumentando produzione e vendite e ha annunciato investimenti pari a 1,2 miliardi di sterline entro il 2025 dedicati a ricerca e sviluppo. Saranno 18 i nuovi modelli McLaren su strada entro il 2024, tre sono già stati svelati: 720S Spider 600Lt Spider e Speedtail. L’obiettivo? 6mila unità all’anno per quella data, il numero massimo di vetture producibili dallo stabilimento di Woking. Un sogno che potrebbe realizzarsi grazie all’offensiva prodotto dato che nel 2018 il marchio britannico ha consegnato 4.806 unità.

Una nuova GT in arrivo

Il cammino verso la meta è già partito e da Woking fanno sapere che l’arrivo della nuova GT, l’auto che darà una notevole spinta per il raggiungimento degli obiettivi sopra dichiarati, è imminente: la sportiva sarà sul mercato da maggio e le prime consegne avverranno entro la fine del 2019. “Sarà capace di coniugare perfettamente prestazioni elevate e massimo comfort e potrà essere utilizzata su strada tutti i giorni, grazie a una abitabilità da berlina arricchita da tecnologie di bordo di ultima generazione”, spiega il ceo Mike Flewitt.

Le immagini della “McLaren of Grand Tourers” non sono ancora state rilasciate e al momento tutto è top secret. “Sarà una vettura del design lineare, bella ed elegantemente audace, in linea con quella che è la nostra filosofia stilistica, in cui ogni dettaglio esiste per una ragione funzionale ben precisa. Anche gli interni saranno innovativi con materiali inediti nel settore, vedrete delle sorprese”, ci racconta Robert Melville, responsabile del design del costruttore inglese.

Mezzo milione di mattoncini

Intanto McLaren ha deciso di continuare la sua collaborazione con il più famoso costruttore al mondo di giocattoli a mattoncini e l'ultimo prodotto nato dalla partnership è la Senna Lego, una riproduzione in scala 1:1, della vettura dedicata al leggendario pilota brasiliano. Per costruirla sono state necessarie più di 5mila ore di lavoro e mezzo milione di pezzi. Una curiosità? La Senna di plastica pesa 500 chilogrammi in più del modello originale. 

Tag

Ayrton Senna  · Business  · McLaren  · 

Ti potrebbe interessare

· di Edoardo Nastri

Il costruttore inglese guarda a nuovi mercati in cui è poco presente e annuncia un modello ibrido che arriverà in primavera. Possibile sbarco in Borsa nel 2025

· di Edoardo Nastri

Il costruttore inglese di vetture sportive annuncia una due posti spider per il prossimo anno. Entra a far parte della Ultimate Series e sarà la più leggera di sempre

· di Paolo Odinzov

Si chiama T.50 e anche questa, rigorosamente aspirata, è relizzata dal progettista Gordon Murray per superare nelle prestazioni hypercar come la Mercedes Amg One

· di Edoardo Nastri

La nuova gran turismo è fondamentale per vendere 6mila unità all’anno entro il 2024. Il bagagliaio è grande come quello di una station wagon: ma va a 326 all'ora

· di Paolo Odinzov

La Casa di Woking ha pubblicato alcune immagini della sua nuova gran turismo, annunciata al Salone di Ginevra e che debutterà a maggio

· di Carlo Cimini

La Casa britannica, dopo aver annunciato l’Ultimate Series, prosegue nello sviluppo della prima hypercar 100% a batteria. Entro il 2022 promette 15 modelli elettrificati

· di Valerio Antonini

I visitatori della manifestazione inglese potranno completare gli ultimi tasselli di una 720S realizzata in scala 1:1 con 280.000 mattoncini colorati