Ultimo aggiornamento  22 settembre 2019 10:02

CO2, Bruxelles conferma il taglio del 37,5%

Redazione ·

Il Parlamento europeo ha definitivamente approvato la norma sul taglio delle emissioni che, per le auto nuove, dovranno ridursi del 37,5% nel periodo tra il 2020 e il 2030. Fissato anche un traguardo intermedio, un calo del 15% previsto per il 2025. La media di emissioni della gamma, quindi, dovrà essere di 60 grammi al chilometro, rispetto ai 95 già fissati per il 2021. 

Furgoni e pulmini dovranno invece emettere il 31% meno nel 2030 rispetto al 2020. L'obiettivo intermedio sancito è lo stesso anche per questa categoria di veicoli. Per le Case costruttrici sono previste sanzioni in caso di superamento dei limiti stabiliti. Entro il 2023 la Commissione europea dovrà valutare se destinare gli importi così recuperati a un fondo specifico per la mobilità a zero emissioni. 

Norme più stringenti 

La Commissione aveva inizialmente ipotizzato un taglio del 30% tra il 2020 e il 2030 ma sia gli eurodeputati che molti esecutivi europei avevano chiesto più coraggio e nel corso delle trattative si era ipotizzato di arrivare al 40%.

La scelta definitiva dei governi al 37,5% è arrivata nel dicembre dello scorso anno. 

 

 

Ti potrebbe interessare

· di Francesca Nadin

Via libera definitivo del Consiglio europeo: costruttori di auto e commerciali dovranno attenersi a nuove regole sulla CO2, rispettivamente -37,5% e -31% entro il 2030

· di Edoardo Nastri

L'Unione ha trovato l'accordo sui tagli alle emissioni inquinanti dei veicoli. Gli obiettivi servirebbero per stimolare i costruttori a investire su vetture più green