Ultimo aggiornamento  26 febbraio 2020 12:11

EVelozcity cambia nome in Canoo.

Valerio Antonini ·

La startup di auto elettriche EVelozcity ha dato il via a diversi cambiamenti al suo interno con l’obiettivo di lanciare quattro veicoli a batteria per il mercato Usa, il primo nel 2021.

Il primo taglio netto con il passato riguarda l’onomastica dell’azienda, che ora diventa Canoo, in lingua italiana: canoa. Perché cambiare nome? La battaglia legale in atto con l’azienda rivale Faraday Future per un presunto furto di dati commerciali potrebbe aver danneggiato la reputazione di EVelozcity, ma non quella di Canoo.

“Abbiamo scelto il nome Canoo perché, da migliaia di anni, la canoa è un mezzo di trasporto sostenibile utilizzato in tutto il mondo”,  ha detto il ceo Stefan Krause in una nota sul sito web.

Nuove assunzioni 

Il giovane marchio, fondato dai tedeschi Stefan Krause e Ulrich Kranz, ha anche annunciato importanti nuove assunzioni. Tra queste spiccano i curricula di Clemens Schmitz-Justen, ex presidente della Bmw Manufacturing e adesso nuovo capo della produzione di Canoo, e James Cox, uno dei maggiori esperti di Uber che ora dirigerà le operazioni digitali presso i nuovi datori di lavori.

Arriva una city-car?

I quattro modelli previsti saranno basati tutti sulla medesima architettura, una sorta di pianale a forma di tavola da surf che consente di alloggiare l’elettromotore direttamente all’interno del telaio. Stando alle prime indiscrezioni, il design delle vetture dovrebbe essere estremamente minimalista, così da ottimizzare al massimo lo spazio al suo interno.

La prima vettura Canoo sul mercato potrebbe essere una city-car dedicata ai pendolari americani con un’autonomia di circa 300 chilometri. Le auto saranno disponibili esclusivamente attraverso abbonamenti che uniscono costi assicurativi e di gestione.

Tag

Batteria  · Canoo  · Evelozcity  · 

Ti potrebbe interessare

· di Linda Capecci

La start up americana nata nel 2017 accantona il concetto di vettura di proprietà: per avere questo minivan basta un abbonamento mensile, senza vincoli di tempo

· di Gloria Smith

La start up vuole essere la "boutique" Usa delle auto a batteria. Ma le vetture promesse non si sono ancora viste e Faraday Future accusa di spionaggio