Ultimo aggiornamento  19 novembre 2019 21:31

Daimler Mercedes vende Smart?

Redazione ·

Daimler potrebbe disfarsi di Smart. A sostenerlo è il quotidiano tedesco Handesblatt. Secondo il giornale di Dusseldorf il nuovo ceo del gruppo di Stoccarda Ola Kallenius - che prenderà il posto di Dieter Zetsche a  maggio prossimo - potrebbe decidere di sbarazzarsi - già entro l'anno - del marchio delle city car, alle prese con perdite per miliardi di euro. 

Perdite consistenti

A spingere per la cessione sarebbe tra gli altri la banca di investimenti Evercore Isl che stima le perdite previste per Smart nel 2019 in 500/700 milioni di euro, anche a causa della contrazione delle vendite globali, ferme nell'ultimo anno a 128.802 esemplari (-4,6%). 

La strategia di Daimler di trasformare Smart in un marchio esclusivamente elettrico potrebbe - sempre secondo gli analisti - rivelarsi troppo costoso. 

Possibili compratori

Tra i gruppi che potrebbero essere interessati a rilevare Smart, gli esperti tedeschi indicano soprattutto i cinesi di Geely, che detengono già il 10% di Daimler e sono proprietari di storici marchi europei come Volvo. Il gruppo di Li Shufu sarebbe pronto a collaborare con i tedeschi proprio sulla strada tracciata per Smart, quella della elettrificazione. Le piccole oggi di Daimler dal 2020 saranno soltanto a batteria.

Anche Bmw - che recentemente ha annunciato di la nascita della piattaforma condivisa ShareNow che raccoglie sotto una sola bandiera le offerte in car sharing dei due grandi nomi dell'automotive tedesco - potrebbe essere interessata a rivelare il marchio Smart

Tag

BMW  · Daimler  · Geely  · Smart  · 

Ti potrebbe interessare

· di Edoardo Nastri

Nuove indiscrezioni sulla vicenda: secondo il Financial Times i tedeschi sarebbero intenzionati a vendere il 50% del marchio ai cinesi, già proprietari di Volvo e Lotus

· di Valerio Antonini

Dopo il car sharing, i due costruttori ufficializzano un'alleanza anche per lo sviluppo di tecnologie per le auto robot. In arrivo una nuova architettura modulare congiunta

· di Giovanni Barbero

I costruttori faranno una joint venture riunendo tutti i loro servizi di mobilità condivisa. L'accordo dovrebbe concludersi entro il 31 gennaio 2019