Ultimo aggiornamento  23 settembre 2019 17:41

Nvidia, la patente per le auto robot.

Valerio Antonini ·

Il produttore di processori grafici Nvidia sta lavorando al brevetto di una "patente di guida" specifica per le auto robot. Come i conducenti umani - esaminati prima di potersi mettere al volante - anche i software driverless potrebbero essere sottoposti a una serie di test standard per essere certificati come sicuri. I programmi dovranno dimostrare di saper affrontare gli imprevisti che possono accadere in strada, dando la risposta corretta e improntata alla massima sicurezza possibile a ogni problema che si possa presentare. 

Le prove avverranno attraverso un software di simulazione di guida appena rilasciato, il "Drive Constellation".

Nuova piattaforma

L’azienda californiana ha anche annunciato che rilascerà una nuova versione della sua piattaforma Nvidia Drive Ap2x, la 9.0, studiata appositamente per i veicoli autonomi di livello 4 (quelli che non hanno bisogno delle mani del conducente sul volante se non in casi estremi). 

Il programma include una funzionalità, la Safety Force Field, che consente di evitare la maggior parte delle collisioni. Come? Valutando in tempo reale le intenzioni degli ostacoli in movimento. Il software - attraverso telecamere, sensori e lidar - riesce a intuire gli spostamenti improvvisi di auto, ciclisti o pedoni e anticipa la manovra necessaria per evitarli.

Al cospetto di incroci intasati, Nvidia Drive 9.0 riconosce la corsia in movimento più veloce. Gli algoritmi del programma sono completamente open source. L’obiettivo di Nvidia è quello di incoraggiare la standardizzazione dei software per le autonome e di rendere più facile certificare la sicurezza degli algoritmi con dei test uguali per tutti.

Tag

Auto robot  · Nvidia  · 

Ti potrebbe interessare

· di Patrizia Licata

Veicoli driverless bravi come i piloti esperti? L’intelligenza artificiale e i dati dell’esperienza non bastano, dicono alla Stanford University: serve tornare a scuola

· di Alessandro Marchetti Tricamo

L'azienda californiana sempre più protagonista dell'auto-robot. Allo show di Las Vegas gli accordi prima con Audi, poi con Mercedes