Ultimo aggiornamento  22 aprile 2019 00:15

Tesla, aumenti in vista: +3%.

Edoardo Nastri ·

Tela modifica ancora i piani di vendita. Elon Musk, ceo del marchio, ha fatto sapere in un’email inviata ai dipendenti che i prezzi delle vetture verranno aumentati del 3% e che non è più prevista la chiusura e la scomparsa di tutti i concessionari. La versione base della Model 3 non subirà adeguamenti di listino e continuerà ad essere offerta a 35mila dollari. Lo stesso ceo, nei primi giorni di marzo, aveva invece dichiarato che la Model 3 sarebbe stata venduta solamente attraverso i canali online e che i rivenditori del marchio erano destinati quasi a sparire.

Una scelta necessaria per contenere il prezzo della elettrica, con risparmi intorno al 7%. Se insoddisfatti, ai  clienti era data una settimana di tempo per recedere dall'acquisto. Sono stati molti gli addetti alle vendite di Tesla a chiedersi se i loro negozi - e posti di lavoro - sarebbero tra quelli tagliati. Modi e tempi si vedranno più avanti, intanto il ceo sembra in parte ritrattare le sue dichiarazioni.

Adeguamento progressivo

“Stiamo adeguando i nostri piani e, almeno per i prossimi mesi, manterremo più negozi di quanto annunciato in precedenza”, si legge nel testo della email diffusa domenica 10 marzo. La previsione è quella di riaprire punti vendita chiusi in passato a causa del calo della domanda, che si trovino in punti strategici delle città anche se all’interno verrà esposta ”una flotta di vetture ridotta". Dal momento dell’annuncio i potenziali clienti di Tesla avranno una settimana di tempo (fino al 18 marzo) per acquistare le vetture senza sovrapprezzo.

Tag

Elon Musk  · Musk  · Tesla  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Borgognone

Elon Musk annuncia che (come promesso) la versione base della berlina costerà ora 35mila dollari. Basta concessionari, acquisti solo online. Primo trimestre 2019 senza guadagni