Ultimo aggiornamento  27 giugno 2019 05:57

Uber, gli autisti di Londra contro il sindaco.

Colin Frisell ·

LONDRA - Dall'8 aprile - quando entrerà in vigore il Clean Air Plan voluto dal sindaco della capitale inglese Sadiq Khan - anche i conducenti di Uber, che oggi al pari dei taxi ufficiali sono esentati, dovranno pagare la Congestion Charge di 12 sterline e 50 per entrare nel centro città. 

Accusa grave

Molti autisti privati che lavorano per la società americana (a Londra sarebbero quasi 40mila) sono scontenti del cambiamento e ora stanno intraprendendo azioni legali contro il sindaco - che pure è di origini pakistane -  affermando che la decisione sia "un atto di discriminazione" nei loro confronti. Ciò è dovuto al fatto che oltre il 90% di questi driver appartiene a minoranze etniche (immigrati da Paesi del Commonwealth come l'India, il Pakistan o da alcune zone dell'Africa) mentre i conducenti dei tradizionali "black cabs" - per la maggior parte bianchi - rimarranno esenti dalla tassa sulla congestione.

Sindacati in rivolta

"Sarò punito per essere venuto al lavoro. Questa è una vessazione contro i conducenti più poveri". Così si è espresso Abdurzak Hadi, autista di Uber ai microfoni della Bbc. L'uomo ha aggiunto che la tassa di 60 sterline alla settimana sarebbe un colpo durissimo alla sua condizione economica. 

L'Unione britannica dei lavoratori indipendenti (IWGB), che rappresenta i conducenti di noleggio privati, ha definito i piani "regressivi, discriminatori e fondamentalmente ingiusti".

Il comune si difende

L'ufficio del primo cittadino pare tuttavia non avere nessuna intenzione di tornare sulle proprie decisioni. "Togliere l'esenzione dalla Congestion Charge ai veicoli a noleggio privati è una parte fondamentale del piano per ridurre il traffico e proteggere londinesi e turisti dalle emissioni nocive dei veicoli inquinanti". 

Nell'autunno del 2018 Uber ha annunciato uno stanziamento pari a 230 milioni di euro - entro il 2025 - per facilitare la transizione a batteria delle auto in servizio a Londra. 

Tag

Congestion Charge  · Londra  · Sadiq Khan  · Uber  · 

Ti potrebbe interessare

· di Colin Frisell

La società di taxi privati nata in Estonia debutta l'11 giugno nella capitale inglese. Oltre 20mila autisti si sono già iscritti alla nuova piattaforma

· di Colin Frisell

L'azienda stanzia 230 milioni di euro, entro il 2025, per facilitare la transizione a batteria delle auto utilizzate nella capitale inglese. Aumento di 17 centesimi per miglio

· di Luca Gaietta

La Capitale inglese punta a ridurre della metà il traffico entro i prossimi 25 anni e a confermarsi centro finanziario della Gran Bretagna anche dopo la Brexit

· di Patrizia Licata

La società dei taxi privati, osservata speciale dell'autorità dei trasporti della capitale inglese, risponde alle polemiche con un sondaggio: i suoi autisti sono contenti