Ultimo aggiornamento  24 settembre 2019 10:49

E se Honda sbarcasse in Sicilia?

Redazione ·

Convincere Honda a sfruttare l'impianto di Termini Imerese - a 30 chilometri da Palermo - spostando in Sicilia la produzione delle auto che non verranno più realizzare nella fabbrica di Swindon, Regno Unito, che chiuderà i battenti nel 2021. 

La proposta arriva da diversi ambienti siciliani, sia imprenditoriali che del sindacato. Sicindustria, la associazione degli industriali dell'isola hanno lanciato in proposito un appello al presidente della regione Nello Musumeci perché contatti il costruttore giapponese proponendogli di utilizzare l'ex stabilimento Fiat. "A Termini Imerese - si legge in una nota della associazione - c'è un polo automotive, una sede, un impianto produttivo e un tessuto di piccole e medie imprese. Manca solo una Casa automobilistica che decida di insediarsi qui". 

Il sindacato si rivolge al Ministro

Analogo appello è arrivato dal segretario della Fiom (la federazione dei metalmeccanici) siciliana, Roberto Mastrosimone che ha rilanciato la proposta degli industriali rivolgendosi direttamente al Ministro per lo Sviluppo Economico Luigi Di Maio che sarà a giorni nell'isola per la vertenza Blutec. "La scelta di Honda di chiudere gli stabilimenti in Gran Bretagna può rappresentare una opportunità per noi e il Paese" ha detto Mastrosimone  che ha invitato il governo a contattare il costruttore per cui "la fabbrica di Termini Imerese - ancora integra nonostante sia chiusa da nove anni - sarebbe ideale per collocazione e dimensioni per continuare a investire in Europa e in Italia. Soprattutto perché qui il mercato delle auto elettriche è ancora vergine". 

In questo senso il segretario regionale Fiom ha anche ricordato come esistano 350 milioni di euro di fondi pubblici stanziati con l'accordo di programma quadro che aspettano una collocazione e ha concluso sottolineando come a Termini Imerese ci siano "1000 lavoratori che non vedono l'ora di tornare a produrre". 

Tag

Fiom  · Honda  · Sicindustria  · Swindon  · Termini Imerese  · 

Ti potrebbe interessare

· di Colin Frisell

Secondo Sky News il costruttore giapponese potrebbe annunciare la chiusura dell'impianto di Swindon, in Gran Bretagna. 3.500 posti di lavoro a rischio