Ultimo aggiornamento  23 marzo 2019 21:59

Autonome, pedoni sotto controllo (VIDEO).

Carlo Cimini ·

I ricercatori della University of Michigan stanno sviluppando un sistema di sicurezza per le auto a guida autonoma che si avvale della piattaforma Bio-Lstm. Già da una distanza di 45 metri monitora posizione e postura del corpo dei pedoni, attraverso scansioni in 3D suddivise in migliaia di fotogrammi

Per le tecnologie che si basano esclusivamente sull'intelligenza artificiale, come quella che permette ai veicoli driverless di viaggiare senza l'aiuto dell'uomo, è importante capire, dedurre e anticipare le intenzioni e il comportamento di chi attraversa, ad esempio, la strada. Queste capacità consentono alle vetture driverless di evitare collisioni e garantire più sicurezza.

Come funziona

Il corpo del pedone è ricostruito attraverso i parametri del modello Skinned Multi-Person Linear (Smpl): la piattaforma si basa su una funzione che riconosce la periodicità del camminare umano (andatura) e la simmetria del corpo.

Un caso comune è la distrazione derivante dall'uso dello smartphone. È facile intuire che un pedone sia distratto quando ha lo sguardo rivolto verso il proprio dispositivo. Ma non è semplice prevenire i suoi tempi di reazione e quello che intende fare negli istanti successivi. In questo senso, la tecnologia ci verrà in soccorso.

Tag

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Borgognone

La società che comanda la corsa alla guida autonoma intende aprire un impianto per il montaggio dei suoi sistemi driverless nello stato più automobilistico degli Usa

· di Carlo Cimini

La Casa giapponese diventa il primo sponsor del nuovo circuito Acm dedicato alle driverless: 1,9 milioni di dollari per sostenere la ricerca e provare i propri sistemi