Ultimo aggiornamento  20 agosto 2019 06:06

Brexit, Honda pronta all'addio all'Europa?

Colin Frisell ·

LONDRA - Honda potrebbe annunciare domani la chiusura nel 2022 dell'impianto di Swindon, nel sud ovest dell'Inghilterra, l'unico che il costruttore giapponese ha in Europa. La fabbrica sforna annualmente oltre 100mila Civic, destinate al mercato globale. La produzione sarebbe spostata in Giappone.

Secondo l'emittente Sky News - che ha per prima diffuso la notizia, ripresa anche dalla Bbc - la decisione della Casa potrebbe portare alla perdita di 3.500 posti di lavoro. Sempre secondo la stampa britannica Honda manterrebbe comunque nel Regno Unito il proprio quartier generale di Bracknell, nel Berkshire. 

Aspettando la Brexit

Solo poche settimane fa Honda ha annunciato che avrebbe chiuso l'impianto di Swindon per sei giorni in aprile, come misura precauzionale in caso di problemi di approvvigionamento per le sue linee produttive derivanti dalla Brexit, l'uscita della Gran Bretagna dall'Unione europea, prevista per il 19 marzo. Dopo il rigetto da parte del Parlamento inglese dell'accordo raggiunto tra Theresa May e Bruxelles il rischio è quello che si concretizzi un divorzio senza accordi economici preventivi. Con conseguenze difficilmente immaginabili soprattutto per le merci in entrata e in uscita dal Paese.

Anche altri costruttori - come Jaguar Land Rover hanno annunciato chiusure temporanee degli impianti nelle settimane successive al 19 marzo. Nissan ha indicato la Brexit tra le cause della decisione di non produrre più la X-Trail a Sunderland e anche Ford ha manifestato preoccupazione. 

Tag

Civic  · Honda  · Sunderland  · Swindon  · 

Ti potrebbe interessare

· di Colin Frisell

Il nuovo primo ministro inglese accelera sull'hard Brexit e il settore automotive britannico è in subbuglio: senza accordo con l'Europa rischia di perdere 80 milioni al giorno

· di Colin Frisell

Il ministro degli Esteri di Tokyo agli inglesi: "Con un'uscita dall'Europa senza accordi i nostri impianti automotive nel Regno Unito a rischio"

· di Redazione

Sicindustria e Fiom lanciano una proposta a governo e regione: portare il costruttore giapponese - che chiuderà l'impianto nel Regno Unito nel 2021- a Termini Imerese

· di Giovanni Barbero

Il costruttore ha comunicato che il suv a sette posti verrà prodotto a Kyushu in Giappone. Qashqai, Note, Leaf e Infiniti Q30 restano in Gran Bretagna