Ultimo aggiornamento  07 dicembre 2019 15:26

Gm, piano di ristrutturazione al via.

Edoardo Nastri ·

Prende il via il piano di ristrutturazione annunciato a novembre 2018 da General Motors. A breve dovrebbero iniziare le procedure di licenziamento per almeno 4mila dipendenti in Nord America. Il primo step dovrebbe concludersi prima di mercoledì, giorno della pubblicazione del rapporto sui risultati del quarto trimestre della società. Il risparmio che dovrebbe derivare dai tagli a dipendenti, fabbriche e modelli farà risparmiare a Gm circa 6 miliardi di dollari realizzati entro il 2020.

La riduzione della forza lavoro nel Nord America sarebbe del 15% con un taglio totale di più di 14mila posti di lavoro. In particolare verrà ridotto il numero dei dirigenti del 25%. Gli stessi dirigenti hanno riferito agli investitori che i risultati del 2018 hanno superato le aspettative e che si aspettano un 2019 positivo.

Il piano

Entro la fine dell’anno il gruppo dovrebbe chiudere la fabbrica di Hamtramck a Detroit, quella di Lordstown in Ohio e quella di Oshawa in Canada. I tagli riguardano anche la Baltimore Operations in Maryland e la Warren Transmission Operations nel Michigan, fabbriche dove vengono prodotti motori e sistemi di trasmissione.

Il colosso americano ha previsto inoltre la fine della produzione per alcuni modelli come la Chevrolet Cruze, la Cadillac CT 6 e la Buick LaCrosse, grandi berline con sempre meno mercato a fronte di una richiesta di suv e crossover.

Tag

Business  · General Motors  · 

Ti potrebbe interessare

· di Valerio Antonini

Il presidente Usa sostiene che la svolta a batteria del colosso di Detroit sia un errore. E minaccia: "Non mi sono piaciuti, non verranno trattati bene"