Ultimo aggiornamento  18 ottobre 2019 17:48

Brexit, nuovi problemi per Jaguar Land Rover.

Colin Frisell ·

LONDRA - Le settimane forzate di chiusura di tutti gli impianti inglesi di Jaguar Land Rover previste in aprile - subito dopo la almeno teorica uscita del Paese dalla Unione europea - diventano due. Alla prima, già programmata tra il 15 e il 23 aprile, se ne aggiunge una seconda, dall'8 al 12 dello stesso mese.

La chiusura coinvolgerà tutti gli impianti in terra inglese del marchio, quelli di Castle Bromwich, Solihull e Halewood e anche la fabbrica dedicata ai motori di Wolverhampton. I tre siti industriali danno lavoro complessivamente a 39mila persone

Situazione critica

Solo poche settimane fa Jaguar Land Rover ha annunciato - nell'ambito di un piano che dovrebbe farle risparmiare circa 2,5 miliardi di sterline -  un taglio di quasi 5mila posti di lavoro. I licenziamenti dovrebbero riguardare soprattutto i settori di amministrazione, marketing, rete di vendita e design, salvaguardando la forza lavoro delle fabbriche. 

Il ministro dell'economia di Londra, Greg Clark ha messo in guardia nei giorni scorsi dai rischi che un'azienda come Jaguar Land Rover correrebbe in assenza di un accordo con l'Unione europea: "Una "hard Brexit" o comunque una uscita senza chiarezza aumenterebbe i costi e i danni per una compagnia che non ne ha proprio bisogno".

Tag

Brexit  · Greg Clark  · Jaguar Land Rover  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Odinzov

Il gruppo inglese ha realizzato, con la società NewMotion di Shell, una rete di 166 punti di ricarica per vetture a batteria nella sua sede di Gaydon

· di Colin Frisell

Il costruttore inglese blocca il progetto di espansione a Coventry dopo la contrazione del mercato cinese, le incertezze sulla Brexit e il calo delle vendite dei diesel

· di Luca Gaietta

La Casa inglese, in previsione degli elevati investimenti per l'elettrificazione, ha bloccato la produzione della vettura svelata come prototipo allo scorso Salone di Ginevra.

· di Colin Frisell

Secondo l'associazione inglese dei costruttori e rivenditori, con la Brexit ogni vettura potrà arrivare a costare al pubblico fino a 1.500 sterline in più