Ultimo aggiornamento  19 ottobre 2019 11:46

Renault, Senard è il nuovo presidente.

Redazione ·

Carlos Ghosn si è dimesso dalla carica di presidente del gruppo Renault e il suo posto è stato preso da Jean-Dominique Senard. Thierry Bollore confermato direttore generale.

I nuovi capi 

La riunione del consiglio di amministrazione di Renault del 24 gennaio ha preso atto delle dimissioni di Ghosn che erano state annunciate a Davos dal ministro dell'economia di Parigi Bruno Le Maire e nominato alla carica di presidente Jean-Dominique Senard, dal 2012 a capo del gruppo Michelin. Il 64enne manager rappresenterà Renault all'interno della Alliance. 

Resa definitiva la scelta del direttore generale del costruttore che rimane Thierry Bolloré, già numero due di Ghosn, che aveva assunto il ruolo ad interim dal momento dell'arresto dell'ormai ex presidente. 

Le nuove nomine dovrebbero servire anche a stemperare le tensioni con i membri giapponesi della Alliance, Nissan e Mitsubishi

Le accuse 

Carlos Ghosn, 64 anni, è in carcere a Tokyo dal 19 novembre scorso con l'accusa di varie attività illecite come la frode e le false comunicazioni alla borsa e di aver mentito sul proprio compenso. Il manager - a capo dell'Alliance dal 2005 - si è sempre dichiarato innocente ma tutte e sue richieste di libertà condizionata sono state respinte dal tribunale giapponese che ne ha invece prolungato la detenzione.

Già a pochi giorni dall'arresto del manager prima Nissan - il 22 novembre - e la settimana successiva Mitsubishi, avevano licenziato Ghosn con decisioni prese all'unanimità dai rispettivi consigli di amministrazione

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

La Commissione per il controllo della Borsa americana apre un'inchiesta sul costruttore giapponese e il suo ex presidente ora in carcere a Tokyo

· di Edoardo Nastri

I ceo dei tre gruppi si mettono al volante dell'Alleanza, che "non è in dubbio": le decisioni del primo vertice con il numero uno Ghosn ancora in carcere in Tokyo