Ultimo aggiornamento  23 agosto 2019 13:27

Le città italiane malate di traffico.

Marina Fanara ·

Riscaldamento domestico, industria, agricoltura, ma anche colpa del traffico se l'aria in molte delle nostre città è spesso irrespirabile. Un quadro allarmante che emerge dall'ultimo dossier "Mal d'aria" di Legambiente: il 2018 è stato un anno nero per lo smog, anche perché ci sono troppe auto (e vecchie) in circolazione. 

Polveri e ozono nel mirino

La ricerca ha analizzato la qualità dell'aria nelle aree urbane del nostro paese prendendo in considerazione le emissioni più nocive per la salute, ovvero polveri sottili (Pm10) e ozono (O3). Per legge, il Pm10 non deve superare i 35 giorni l'anno con valori sopra i 50 microgrammi al metro cubo, mentre per l'ozono il tetto è di 25 giorni l'anno al di sopra dei 120 microgrammi giornalieri.

55 capoluoghi

Dai dati è emerso che ben 55 capoluoghi di provincia nel corso del 2018 sono stati ampiamente fuori norma per entrambi gli inquinanti. Brescia, Lodi e Monza le peggiori: tra polveri sottili e ozono hanno accumulato rispettivamente 150, 149 e 140 giornate fuori limiti. A seguire, nelle prime dieci, Venezia (139), Alessandria (136), Milano (135), Torino (134), Padova (130), Bergamo e Cremona (entrambe 127) e Rovigo (121).

L'area padana si conferma un'area molto a rischio. Solo Cuneo, Novara, Verbania e Belluno sono risultate nella norma, per il resto in tutti i capoluoghi di provincia è bollino rosso, almeno per uno dei due limiti. Fuori dal nord, il triste primato va a Frosinone con 83 giorni per il Pm10 e 33 per l'ozono, seguita da Genova e Avellino.

Ozono: Roma in classifica

Considerando solo le polveri sottili, Frosinone scende al secondo posto nella classifica nazionale superata da Torino (87 giorni), terza Milano (74). Sempre in tema di Pm10, al sud è scattato l'allarme solo per Avellino (47 giorni) e Napoli (37).

Genova e Brescia invece sono le città più a rischio per l'ozono: entrambe hanno sforato i limiti di legge per 103 volte in un anno, al secondo posto ancora una volta Monza (89) e al terzo Lecco. Nella top ten c'è anche Roma, in nona posizione con 72 giornate fuori norma.

Non è solo colpa del clima

Per Legambiente, l'inquinamento atmosferico è diventato "un'emergenza costante nel nostro Paese e non è più giustificabile con le avverse condizioni meteo-climatiche della pianura padana o legate alla sola stagionalità invernale come spesso i cittadini sono indotti a credere". Per l'associazione ambientalista sono le emissioni riconducibili al traffico ad avere un ruolo determinante per lo smog, specialmente l'auto privata: in Italia se ne contano 38 milioni, a fronte di 100 mila bus e 6 mila vetture condivise. E la macchina continua a essere il mezzo più utilizzato: copre complessivamente il 65,3% degli spostamenti.

L'impegno del governo

"Dal report di Legambiente emergono dati agghiaccianti e rendono ancora più evidente quanto sia irrinunciabile convertirsi a una mobilità green"Michele Dell'Orco, sottosegretario Infrastrutture e trasporti. "Abbiamo già previsto incentivi per l’acquisto di auto ecologiche e per l’installazione di colonnine di ricarica elettrica", aggiunge,"oltre a 3,7 miliardi per rottamare il vecchio parco autobus e sostituirlo con bus a metano ed elettrici. Sogniamo un futuro dove ci si possa spostare e viaggiare inquinando il meno possibile, fino ad arrivare a una mobilità a impatto zero".

Tag

Città  · Inquinamento  · Legambiente  · Ozono  · PM10  · 

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

Secondo TomTom, la Capitale è la città più congestionata d'Italia, 31esima nel mondo e ottava in Europa. Nella classifica nazionale, secondo e terzo posto per Palermo e Messina

· di Marina Fanara

Attesi 14 milioni di italiani in viaggio sulle strade. Luceverde informa: bollino rosso nei giorni 19, 20, 25, 28 aprile, 1° e 5 maggio. Prudenza a Pasquetta per le gite fuori...

· di Marina Fanara

Secondo Legambiente, dall'inizio dell'anno, sono già 22 le città che rischiano di sforare presto i limiti consentiti per il Pm10. In testa Frosinone, Torino e Milano

· di Marina Fanara

Polveri sottili oltre i limiti: da venerdì 10 a domenica 20 gennaio, fascia verde vietata a due ruote più inquinanti e auto diesel e benzina fino a Euro 2

· di Carlo Cimini

Secondo lo studio dell'olandese CE Delft, nel 2016 il Vecchio continente ha speso fino a 80 miliardi per far fronte ai danni alla salute derivati dalle emissioni del trasporto su...

· di Marina Fanara

Secondo l'Oms 9 persone su 10 sotto ai 15 anni nel mondo rischiano gravi problemi di salute per colpa dell'aria inquinata. Italia tra i paesi più esposti