Ultimo aggiornamento  23 marzo 2019 05:20

Generazione Scarabeo.

Antonio Vitillo ·

Le curve morbide dell’Aprilia Scarabeo hanno accompagnato i sogni di un'intera generazione. Fin dal 1993, quando, in controtendenza, per la sua “city bike” da 50 centimetri cubici Aprilia ha puntato su tradizionali forme classiche. Con oltre 750mila unità vendute fin qui, lo Scarabeo ha rappresentato qualcosa di più di un semplice modello. Alla stregua della Vespa è diventato un brand, capace di identificare un’intera gamma.

Baciato dalla fortuna

Chissà che l'innegabile affermazione sul mercato abbia avuto a che fare anche con il suo nome, che proviene dalla cultura egizia. Certamente, lo Scarabeo fu baciato dalla fortuna per ben due volte. La prima risale al gennaio del 1970, quando un cinquantino da cross diventò il capostipite di una serie, prodotta fino al ’74, di fuoristrada con diverse motorizzazioni.

Fatto al computer

La popolarità dello scooter Scarabeo è sicuramente dovuta alla sua grande versatilità. A Noale, è stato il primo veicolo sviluppato ampiamente al computer. Eppoi ruote alte e comoda pedana piatta, caratteristiche che generano stabilità dinamica anche in situazioni di emergenza, e un buon comfort di marcia. È elegante, leggero e maneggevole, facile e divertente da guidare. Fin dall’esordio si è posto sul mercato come veicolo di tendenza, capace di attirare attenzioni trasversali fra classi sociali e generazioni. Perciò è stato prodotto in varie cilindrate, fino a quella di 500 centimetri cubici.  

Lo Scarabeo odierno sa di ritorno alle origini. Vestito del suo tradizionale “oval design”, è proposto in due versioni, entrambe con motore a due tempi di ultima generazione, di cilindrata 50 e catalizzatore nello scarico. Ha la predisposizione per la presa Usb, le ruote sono da 16 pollici, su quella anteriore c’è un freno a disco. Lo Scarabeo 50 Street, quello con sella monoposto, costa 2.310 Euro, il Classic 2.370 euro.

Tag

Aprilia  · Scarabeo  · 

Ti potrebbe interessare

· di Samuele Maria Tremigliozzi

I quadricicli leggeri sono in testa ai desideri degli adolescenti e sono diventati un fenomeno nelle grandi città, nonostante prezzi elevati e dubbi sulla sicurezza

· di Antonio Vitillo

Dopo l'anteprima milanese si attende l'entrata in produzione del concept presentato a Eicma dal marchio di Noale, a metà strada tra sprint e comfort