Ultimo aggiornamento  23 settembre 2019 06:54

Kia Proceed, la terza è shooting brake.

Edoardo Nastri ·

BARCELLONA - Tra berlina e station wagon c’è una via di mezzo in grado di accontentare chi cerca una vettura dalle linee sportive, come quelle di una coupé, senza rinunciare al pratico portellone. La Kia Proceed è una shooting brake a cinque porte, terzo modello della famiglia Ceed, la berlina del costruttore coreano nata, prodotta e venduta in Europa. La Proceed è la più ricercata della gamma. “Abbiamo scelto di posizionarla più in alto rispetto a un classico prodotto generalista, ispirandoci al mondo premium. Crediamo che sia una vettura in grado di piacere ai clienti italiani e prevediamo di venderne circa mille all’anno”, spiega Giuseppe Bitti, amministratore delegato di Kia Italia.

Posteriore distintivo

Costruita nello stabilimento di Žilina, in Slovacchia, la Proceed è più bassa e più larga della versione familiare con cui condivide a livello stilistico solo il design del frontale. Il posteriore è quello che la caratterizza maggiormente, grazie alla linea del tetto che scende velocemente sul portellone e a un montante C inclinato. Le luci posteriori, specialmente di notte, sono di grande effetto grazie a una fascia di led che percorre tutta la larghezza della vettura. La terza luce di stop è triangolare, come sulle auto da corsa.

Sportiva e pratica

Abbiamo guidato la Proceed su un percorso misto nei pressi di Barcellona mettendone alla prova le doti dinamiche sul circuito Parcmotor Castellolí. La shooting brake coreana impressiona per la reattività del motore - in pista abbiamo provato la versione con il 1.6 turbo benzina da 204 cavalli - dello sterzo e dell’impianto frenante, duro a stancarsi anche dopo ripetuti giri di pista. Non è certo una vettura da gara, ma è divertente da guidare. Entrati in città passiamo dalla modalità Sport a quella Normal e la Proceed cambia tonalità di voce, taratura delle sospensioni e durezza dello sterzo, trasformandosi in una vettura pratica per la città anche per chi ha bisogno di spazio. Se la si sceglie al posto della station wagon si deve rinunciare solo a 31 litri nella capacità del bagagliaio.

All’interno ritroviamo l’impostazione razionale delle nuove Kia. Al centro della plancia c’è il display touch da 8 pollici dedicato alla gestione dell’infotainment compatibile con i sistemi Android Auto ed Apple CarPlay. Per il capitolo sicurezza attiva le dotazioni standard comprendono la regolazione automatica degli abbaglianti, l’avviso in caso di distrazione, il sistema per il mantenimento di corsia e la frenata automatica di emergenza.

Futuro elettrificato

I piani futuri del marchio coreano puntano a una elettrificazione della gamma Ceed. Entro la fine dell’anno il motore diesel 1.6 diventerà mild hybrid e nel 2020 verranno elettrificati con questo sistema anche tutti i motori a benzina. Dopo il 2020 arriveranno anche le versioni ibride plug-in.

Due allestimenti e tre motori

La Proceed è venduta sul mercato italiano in due allestimenti: GT e GT Line. Il primo è abbinabile solo al motore 1.6 turbo benzina da 204 cavalli con cambio automatico a sette rapporti o manuale. Il secondo al 1.4 turbo benzina da 140 cavalli o al 1.6 diesel da 136 cavalli, entrambi con trasmissione automatica o manuale. Tutti i motori soddisfano i requisiti d’omologazione Euro 6d Temp e nessuno è sottoposto all’ecotassa, in vigore da marzo. Prezzo a partire da 29mila euro.

Tag

Kia  · Kia Proceed  · 

Ti potrebbe interessare

· di Giovanni Barbero

Il costruttore coreano svela la prima immagine della sua nuova crossover, sul mercato entro fine anno. Forse avrà anche una versione ibrida

· di Giovanni Barbero

In un messaggio per il 2019 ai dipendenti Euisun Chung, vicepresidente del gruppo coreano, ha annunciato alcuni degli obiettivi dei prossimi anni