Ultimo aggiornamento  10 dicembre 2019 01:16

Cina, alleanze per l'elettrico.

Luca Gaietta ·

Il gruppo Evergrande, seconda società immobiliare cinese per numero di proprietà, ha pagato 930 milioni di dollari per assumere il controllo del produttore di auto elettriche National Electric Vehicle Sweden (Nevs) rilevandone il 51% del pacchetto azionario. Obiettivo dell’operazione, diversificare il portafoglio di attività della società e attingere al fiorente mercato dei veicoli a batteria.

La ex fabbrica Saab

Nevs ha acquisito le principali risorse del produttore svedese Saab quando la società ha chiuso i battenti nel 2012. Oggi produce nella fabbrica Trollhättan (ex Saab) veicoli elettrici basati sul pianale dell’ultima generazione della berlina Saab 9-3. La società è controllala in parte dal governo municipale di Tianjin, nella Cina nord-orientale, dove ha sede anche un secondo sito per le auto a batteria con una capacità di 50.000 unità all'anno destinate al mercato locale.

Un crossover elettrico per l'espansione

L'accordo prevede come primo step lo sviluppo di un crossover elettrico, il 9-3X EV, destinato inizialmente ad essere commercializzato in Cina ma che non è escluso possa arrivare successivamente in Europa, viste le ambizioni di Hui Ka-yan, fondatore di Evergrande, intenzionato a promuovere il suo business anche al di fuori della Repubblica Popolare.

Tag

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

La flessione delle vendite di veicoli è il primo dal 1990. Secondo l’associazione dei costruttori, pesano fine incentivi per le piccole e guerra commerciale con Usa

· di Samuele Maria Tremigliozzi

Quattro distributori di elettricità hanno creato la Xiongan Lianxing Network Technology che ora detiene l'80% delle stazioni per il rifornimento di auto a batteria nel Paese