Ultimo aggiornamento  22 settembre 2019 10:32

Cadillac e la sfida a Tesla.

Edoardo Nastri ·

General Motors corre verso Tesla. Il colosso americano ha intenzione di proporre in gamma 20 veicoli completamente elettrici entro il 2023 e per farlo punta sul suo cavallo di razza: Cadillac. Il brand simbolo di un’America di berline e suv esagerati per motori, lusso e dimensioni, guiderà la rivoluzione elettrica di Gm e si confronterà sul ring del mercato EV anche con il brand californiano di Elon Musk.

La nuova era a zero emissioni di Cadillac parte da una piattaforma inedita che prende il nome di BEV3, pensata per essere modulabile e adattabile a diverse architetture. Verrà utilizzata prima da Cadillac e poi da Chevrolet e Buick. Al Salone di Detroit 2019 di questi giorni il brand di lusso di Gm ha presentato la prima concept  car elettrica che sfrutta la nuova piattaforma e che dovrebbe vedere la luce come modello di serie nel 2021. "Il nostro primo modello EV colpirà il cuore del mercato crossover per soddisfare le esigenze dei clienti di tutto il mondo", ha affermato Steve Carlisle, presidente di Cadillac. "Le elettriche del nostro marchio rappresenteranno l'apice del lusso e dell'innovazione e serviranno per posizionare Cadillac al vertice della mobilità sostenibile".

Il no di Trump

Il piano di Gm dedicato all’auto elettrica non piace a Donald Trump. Il numero uno della Casa Bianca lo ha commentato aspramente: "Hanno stravolto il vecchio modello di business e ora quello nuovo è tutto basato sull'elettrificazione. Ma non andrà bene. Avere una percentuale di modelli a batteria è ok, ma un cambiamento come quello annunciato dal ceo Mary Barra è un errore".

La rivoluzione elettrica di General Motors avviene contestualmente al severo piano di ristrutturazione aziendale annunciato dal ceo Mary Barra: tagli al personale del 15% - circa 14,700 posti di lavoro - eliminazione di modelli e chiusura di cinque impianti. "Il nostro obiettivo è quello di garantire a General Motors un futuro solido e duraturo. Molti dei dipendenti delle 5 fabbriche interessate dai tagli verranno riassorbiti in altri stabilimenti del gruppo", ha commentato Barra.

Incentivi in diminuzione

Anche su questo tema il commento di  Trump non si è fatto attendere.  Il presidente ha espresso il suo dissenso in un tweet e ha anche convocato i vertici dell’azienda alla Casa Bianca. "Sono molto deluso dalla decisione intrapresa da General Motors e dal suo Ceo Mary Barra di chiudere gli stabilimenti in Ohio, Michigan e Maryland. Nessun taglio alle fabbriche in Cina e in Messico".

Intanto la progressiva abolizione degli incentivi statali per l’acquisto di auto elettriche negli Usa segue il suo corso. Dal 1 gennaio il bonus, ora di 3.750 dollari, ha subito un taglio del 50% e si dimezzerà ulteriormente a luglio per azzerarsi alla fine del 2019. Chissà come risponderà il mercato.

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Odinzov

Diversi costruttori, in ultimo Cadillac con la nuova Escalade, sono intenzionati a proporre sempre più nel mercato amaricano modelli a ruote alte a batteria

· di Edoardo Nastri

Il costruttore giapponese e quello americano studiano la possibilità di cedere a pagamento alla rete urbana l'energia dei veicoli elettrici nei momenti di picco della richiesta

· di Paolo Borgognone

Il costruttore di Detroit annuncia ben 20 nuovi modelli a batteria per il 2023, di cui due in arrivo entro 18 mesi. Una accelerazione per fare fronte alla concorrenza