Ultimo aggiornamento  26 giugno 2019 22:22

Cina: colonnine "alla carica".

Samuele Maria Tremigliozzi ·

I più grandi distributori e produttori di energia elettrica della Cina hanno costituito una nuova entità societaria: Xiongan Lianxing Network Technology. La joint venture è stata siglata da quattro diverse compagnie: due statali e due private.

Obiettivo è la maggiore diffusione delle stazioni di ricarica per auto elettriche in tutta la Cina. La nuova società detiene attualmente l'80% delle 730mila colonnine del Paese asiatico.

I protagonisti

State Grid Corporation of China e China Southern Power Grid - due tra le società più grandi del mondo - sono le aziende pubbliche firmatarie dell'accordo. La loro storia inizia nel 2002 con la riforma del sistema elettrico cinese: una progressiva liberalizzazione del mercato, attraverso la separazione della produzione dalla gestione delle reti. Il governo di Pechino divise le oltre 500 centrali attive nel Paese tra le cinque maggiori società generatrici di energia elettrica della Cina. La distribuzione e la direzione delle infrastrutture venne affidata ad altre cinque imprese, controllate proprio da State Grid Corporation of China e da China Southern Power Grid (detiene circa il 15% delle reti).

State Grid Corporation of China è attiva anche nel mercato delle utilities italiano: nel 2014 il colosso asiatico ha acquistato - tramite una società controllata - il 35% di Cassa Depositi e Prestiti Reti S.p.A per un controvalore di oltre due miliardi di dollari.

Qingdao Teld New Energy e Jiangsu-based Star Charge sono i due partecipanti privati, entrambi attivi nel mercato della ricarica di veicoli a batteria. 

I termini

L'alleanza prevede un capitale iniziale di 500 milioni di yuan (circa 68 milioni di euro al cambio attuale). L'azionariato sarà così suddiviso: State Grid Corporation of China detiene il 49% delle azioni; un quinto del capitale è sottoscritto da China Southern Power Grid. I due privati possiedono quote paritetiche pari al 9%.

"Intendiamo implementare la rete di ricarica per i veicoli elettrici entro la metà del 2019. Abbiamo in mente un sistema altamente tecnologico attraverso il quale i proprietari di auto a batteria possono localizzare rapidamente le colonnine nelle vicinanze e effettuare pagamenti online" ha dichiarato Feng Yi, membro del board di Xiongan Lianxing Network Technology.

Tag

Cina  · Colonnine elettriche  · 

Ti potrebbe interessare

· di Luca Gaietta

Il gruppo cinese Evergrande ha pagato 930 milioni di dollari per assumere il controllo del produttore di veicoli a batteria National Electric Vehicle Sweden

· di Patrizia Licata

L'Epa cancella i limiti di Obama su consumi ed emissioni. Il passo indietro Usa lascia ai cinesi la guida della rivoluzione ecologica mondiale