Ultimo aggiornamento  24 agosto 2019 03:14

Bmw e Daimler, un’app per ogni servizio.

Giovanni Barbero ·

Bmw e Daimler hanno ricevuto il via libera da parte dell’antitrust statunitense per poter fare una joint venture dedicata alla mobilità condivisa. I due costruttori deterranno ognuno il 50% della società. L’obiettivo è quello unire le proprie compagnie di sharing mobility per dare agli utenti un’offerta completa.

I clienti potranno utilizzare una sola applicazione per poter scegliere tutti i servizi di CarSharing, Ride-Hailing, Parking, Charging e Multimodality.

Tutto quello che serve

I due costruttori hanno dichiarato di voler concludere l’accordo entro il 31 gennaio 2019. La joint venture comprenderà le seguenti attività e servizi. Moovel e ReachNow si occuperanno della gestione e della mobilità multimodale. In questo momento a questi due programmi sono iscritti già 6milioni di utenti. Per la parte dedicata al car sharing verranno visualizzate sulla stessa app sia Car2Go che DriveNow, i due servizi di auto condivise di Daimler e Bmw.

Per il servizio di noleggio con conducente e taxi verranno visualizzate in un'unica applicazione mytaxi, Chauffeu Privé, CleverTaxi  e Beat. Il totale dei clienti che in questo momento utilizzano i servizi sfiora i 16milioni. Per il parcheggio ci saranno ParkNow e Parkmobile che offrono soluzioni di parcheggio digitale in più di 1.100 città e per trovare le colonnine di ricarica per auto elettriche più vicine ci sarà ChargeNow

Tag

BMW  · car to go  · Daimler  · DriveNow  · 

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

Secondo Handelsblatt il nuovo ceo del gruppo di Stoccarda Ola Kallenius potrebbe disfarsi del marchio delle city car, dal 1998 in perdita cronica. Geely e Bmw interessate

· di Paolo Odinzov

La Casa tedesca mostrerà al Salone della tecnologia di Las Vegas sistemi e dotazioni che cambieranno il modo di spostarsi a bordo delle vetture

· di Patrizia Licata

Mossa anti-Uber di Daimler e Bmw: i due colossi tedeschi sarebbero pronti a unire i propri servizi di car sharing per diventare più competitivi