Ultimo aggiornamento  28 febbraio 2021 02:49

Corea del Sud, città-test per le autonome.

Samuele Maria Tremigliozzi ·

In Corea del Sud è stata inaugurata K-city: un sito sperimentale nella provincia di Gyeonggi creato per testare auto autonome di livello 3. Le vetture saranno controllate attraverso la rete ultraveloce 5G.

Il programma è stato realizzato da Korea Telecom - il più grande gestore della rete mobile del Paese - in collaborazione con l'autorità per la sicurezza dei trasporti, il ministero delle infrastrutture locali e Hyundai.

"Guiderà lo sviluppo"

La città-test si estende per una superficie di oltre 360mila metri quadrati: al suo interno sono state riprodotte fedelmente tutte le infrastrutture stradali, necessarie per mettere alla prova le auto in un contesto più reale possibile. Le vetture saranno gestite tramite "5G Remote Cockpit", sistema di controllo a distanza realizzato dal colosso asiatico delle telecomunicazioni. In caso di emergenza o malfunzionamento, il software restituirà il controllo dei veicoli ai conducenti. 

"K-City è una realtà altamente innovativa che guiderà lo sviluppo dell'industria automobilistica mondiale e svolgerà un ruolo importante nell'avanzamento delle tecnologie di automazione", ha affermato Lee Dong-myun, responsabile Kt delle attività future della piattaforma. "Basato su reti 5G, commercializzate il 1 dicembre, Kt mostrerà diversi servizi innovativi per aumentare la sicurezza del traffico".

Tag

5G  · Autonome  · Corea del Sud  · Hyundai  · Korea Telecom Corporation  · 

Ti potrebbe interessare

· di Linda Capecci

Una Lexus Ls dotata dei sistemi di guida autonoma per la prima volta arriva sulle strade pubbliche di Bruxelles. La sperimentazione apre la strada al progetto L3Pilot

· di Patrizia Licata

Connected cars e guida driverless come lo smartphone. E non potranno essere affidabili senza il nuovo standard mobile, protagonista a Barcellona

· di Paolo Borgognone

L'industria del Paese asiatico si consorzia per favorire lo sviluppo della guida autonoma. Le Case automobilistiche e i big della tecnologia sono in prima linea