Ultimo aggiornamento  23 ottobre 2019 02:05

Alto Adige a zero emissioni dal 2025.

Marina Fanara ·

L'idea è diventare un modello di mobilità sostenibile. Per questo l'Alto Adige sposa in pieno il progetto europeo Life per la diffusione dei veicoli a zero impatto ambientale per il trasporto pubblico e privato. L'obiettivo è fissato dal pacchetto clima, ovvero la riduzione di almeno due terzi delle attuali emissioni di anidride carbonica entro il 2050.

Capitale dell'idrogeno

La regione non parte da zero: Bolzano è l'unica realtà in Italia con un centro di produzione dell'idrogeno e, di conseguenza, una flotta di autobus puliti al 100% per il trasporto pubblico. "Con l'adesione al programma europeo", spiega Arno Kompatscher, presidente della Provincia autonoma, "ora ci siamo posti una scadenza: entro il 2025 vogliamo che sul nostro territorio circoli il numero più alto possibile di auto, camion e bus elettrici e a idrogeno". 

Dai veicoli alle colonnine di ricarica: è questa la seconda area di intervento del progetto Life che, per quanto riguarda l'Alto Adige, prevede un investimento complessivo di 22,6 milioni di euro di cui 7,9 finanziati da Bruxelles, 7 milioni dalla provincia di Bolzano e i restanti 7,8 milioni suddivisi tra i 7 partner che partecipano al programma (tra cui Autobrennero, Sta, Alperia e Sasa).

38 nuove stazioni di rifornimento

"Vogliamo creare una rete di infrastrutture capillare nella nostra regione per l'approvvigionamento e la manutenzione di auto e bus a zero emissioni", sottolinea Kompatscher, "grazie a queste stazioni di rifornimento renderemo concorrenziali le condizioni di utilizzo dei veicoli puliti, sia quelli a batteria che con celle a combustibile". Sono previste almeno 33 nuove colonnine di ricarica per le auto a batteria e 5 distributori di idrogeno tra Bolzano, Merano, Brunico, Val Venosta e l'autostrada del Brennero (A22).

Auto pulite: test nel traffico

Sempre nell'ambito del progetto Life, inoltre, l'Amministrazione Alto Adige ha identificato Bolzano, Brunico e Val Venosta come laboratori per testare nel traffico auto e mezzi pubblici a impatto zero. In più, verranno lanciate specifiche iniziative di marketing e di sensibilizzazione su questa tipologia di veicoli ecologici.

La mobilità sostenibile fa parte di un programma complessivo che la regione ha avviato da tempo. "Il principio guida è quello di evitare, trasferire e migliorare il traffico esistente con un'ampia serie di misure, alcune già completate e altre in fase di attuazione", aggiunge l'assessore alla Mobilità, Florian Mussner. Tra le iniziative più importanti ci sono i progetti europei Chic per l'acquisto di autobus a idrogeno e Jive per la creazione delle relative stazioni di ricarica. 

Tag

Alto Adige  · Bolzano  · Colonnine elettriche  · Idrogeno  · 

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

Oltre 5mila punti di rifornimento elettrico in tutta la Regione completamente da fonti rinnovabili: è l'obiettivo di Neogy, società costituita al 50% tra Dolomiti energia e Alperia

· di Marina Fanara

La regione dispone di oltre 100 colonnine da fonti rinnovabili: sono gestite da Alperia che ha appena inaugurato a Merano la prima "hypercharger" d'Italia