Ultimo aggiornamento  26 aprile 2019 08:30

Pininfarina, l'hypercar si chiamerà Battista.

Paolo Odinzov ·

L’hypercar elettrica firmata Automobili Pininfarina si chiamerà Battista, come il fondatore della celebre carrozzeria italiana di Cambiano, appartenente oggi al gruppo indiano Mahindra. Sarà svelata nella versione definitiva in marzo al prossimo Salone di Ginevra e verrà prodotta in edizione limitata in soli 150 esemplari commercializzati nei principali mercati mondiali con un listino compreso tra gli 1,8 e i 2,2 milioni di euro.

Leggera e tecnologica

In grado di offrire prestazioni superiori persino a quelle di una Formula 1, la Battista deriva dal concept PF0 presentato nei mesi scorsi da Pininfarina. Verrà prodotta interamente in Italia impiegando le tecnologie più evolute in campo automotive. Tra queste una carrozzeria di fibra di carbonio e un telaio realizzato in materiali ultra leggeri capaci di contenerne al massimo il peso.

Da 0 a 100 in meno di 2 secondi

A spingere la Battista sarà un powertrain da 1.900 cavalli e 2.300 newtonmetri di coppia, sviluppato insieme alla Rimac e capace di farle raggiungere una velocità massima superiore ai 400 chilometri orari con uno scatto da zero a cento in meno di due secondi. Questo garantendo un’autonomia di circa 500 chilometri.

Tag

Auto Elettrica  · Battista  · Hypercar  · Pininfarina  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Odinzov

Al Salone svizzero (7/17 marzo) debutta la hypercar della carrozzeria italiana, di proprietà del gruppo indiano Mahindra, prodotta dal 2020 in 150 esemplari

· di Paolo Odinzov

Svelate alcune immagini della hypercar elettrica capace di superare i 400 chilometri orari di velocità e con un'autonomia da 500 chilometri