Ultimo aggiornamento  15 dicembre 2018 10:23

Il trasporto autonomo di domani.

Edoardo Nastri ·

Nel futuro milioni di veicoli robot affolleranno le nostre strade. La guida autonoma rivoluzionerà sia i trasporti delle persone sia la logistica, trasformando nel profondo il mondo delle consegne e influenzando gli investimenti delle aziende di settore.

Amazon per esempio ha dovuto raddoppiare in due anni - dal 2015 al 2017 - le risorse dedicate alla spedizione (circa 21 miliardi di dollari). Alcuni Costruttori hanno già pensato a diverse soluzioni. Lo schema è sempre lo stesso: una piattaforma unificata a cui “agganciare” diversi moduli per trasformare il veicolo in uno strumento polifunzionale.

Mercedes Vision Urbanetic Cargo

Vision Urbanetic Cargo è concept di vettura autonoma pensata per diverse applicazioni in città, tra cui la logistica. La piattaforma è unica e sulla stessa possono essere installati due moduli: quello dedicato ai passeggeri accoglie fino a dodici persone, mentre il “Cargo module” può trasportare fino a dieci pallet. Il Vision Urbanetic Cargo è dotato di intelligenza artificiale e grazie all’interconnessione tra i veicoli, è in grado di evitare il traffico, andare a ritirare il pacco direttamente a casa dell’utente per consegnarlo dove desidera.

Renault Ez-Pro

La nuova era della circolazione delle merci in città ha coinvolto anche il marchio francese. Laurens van den Acker, alla direzione del design Renault dal 2009, ha disegnato una famiglia di concept car dedicate a tutti i settori della mobilità del futuro, logistica compresa. I veicoli sono accomunati dal prefisso Ez. Renault Ez-Pro è un concept pensato per le consegne urbane dell’ultimo miglio.

Il veicolo si compone di una navicella leader guidata da un essere umano seguita da un convoglio di mezzi autonomi. Ogni navicella, raggiunto il luogo di consegna, è in grado di operare individualmente. «Ez-Pro può rivoluzionare gli hub logistici e le città potranno evolversi per un miglior servizio ai clienti», ha detto van den Acker.

Toyota E-Palette

Anche la Toyota E-Palette si candida a essere il veicolo commerciale del futuro. Anche qui la piattaforma è unica, ciò che cambia è il modulo a seconda delle diverse esigenze. Oltre alle funzioni di trasporto di pacchi, merci e persone, l'E-Palette può diventare una vera e propria sede itinerante di un'attività commerciale. Alla realizzazione del veicolo, presentato al Ces di Las Vegas 2018, hanno contribuito diversi partners tra cui Amazon, DiDi, Mazda e Uber. Tre esempi di un futuro che sembra pronto ad arrivare.

Tag

Mercedes  · Renault  · Toyota  · 

Ti potrebbe interessare

· di Giovanni Passi

Il mercato degli Lcv registra una flessione nell'undicesimo mese dell'anno: oltre 2mila unità in meno vendute rispetto allo scorso anno. Più di 1 esemplare su 4 è Fiat