Ultimo aggiornamento  15 dicembre 2018 10:47

Skoda, partnership in Israele.

Paolo Odinzov ·

Skoda stringe nuove partnership con le startup israeliane Chakratec, Anagog e UVeye e amplia le competenze del centro di sviluppo DigiLab aperto lo scorso anno a Tel Aviv in collaborazione con il distributore Champion Motors.

Stazioni di ricarica rapida

Con Chakratec la Casa Ceca di proprietà del gruppo Volkswagen intende sviluppare una inedita tecnologia di accumulo di energia cinetica, con cicli di carica e scarica illimitati ad alta potenza e un sistema che, stabilizzando la rete elettrica, permetta l'installazione di stazioni di ricarica rapida senza necessità di aggiornare l'infrastruttura esistente.

Intelligenza artificiale

Sfruttando un sistema di intelligenza artificiale di Anagog, capace analizzare i dati di oltre 100 app per smartphone e contando su 10 milioni di utenti attivi mensilmente, Skoda punta invece a elaborare modelli di mobilità per offrire ai propri clienti servizi come la ricerca veloce di un parcheggio, oppure un'assicurazione personalizzata.

Un occhio a 360 gradi

La partnership con UVeye, che ha ideato una fotocamera a 360 gradi per scansionare le auto elaborando un'immagine 3D ad alta risoluzione in pochi secondi, consentirà invece a Skoda di mettere a punto un sistema in grado di individuare con un margine di errore ridotto quasi a zero difetti o anomalie sulle vetture che escono dalle officine di riparazione prima della consegna ai clienti.

Le più innovative soluzioni di mobilità

“Con il nostro crescente impegno in Israele – ha detto Andre Wehner chief digital officer di Skoda - siamo in ottima posizione per avere accesso alle tecnologie future e riuscire a implementare le migliori e più innovative soluzioni di mobilità, fornendo un controvalore reale ai nostri clienti”.

Tag

Digilab  · Skoda  · 

Ti potrebbe interessare

· di Francesco Paternò

Il marchio boemo svela la nuova 5 porte compatta. Grande bagagliaio e tanta tecnologica per la sicurezza. Arriverà a maggio e per il momento non sarà elettrificata

 

· di Luca Gaietta

La Casa ceca ha investito 200mila euro per utilizzare piccoli velivoli che identificano i container liberi nel reparto logistico dello sito di Mladá Boleslav

· di Redazione

Ventuno ragazzi dell'Accademia di Design della Casa ceca hanno realizzato l'Element, il concept di un buggy elettrico derivato dalla Citigo