Ultimo aggiornamento  15 dicembre 2018 10:07

L’app di Uber per taxi debutta a Torino.

Edoardo Nastri ·

A partire da oggi chiunque voglia prendere un taxi a Torino può farlo utilizzando l’applicazione di Uber. Il capoluogo piemontese è la prima città italiana - la sesta in Europa dopo Berlino, Dusseldorf, Atene, Dublino e Istanbul - in cui è attivo il servizio Uber Taxi. L’adesione delle auto pubbliche al servizio sarà gratuita e per ogni corsa Uber prenderà una commissione del 7%.

I passeggeri avranno a disposizione tutte le classiche funzionalità del sistema di ride hailing dell'azienda nata negli Usa come le informazioni sull’autista, il modello della vettura e la targa, la possibilità di dividere il costo della corsa, la visualizzazione in anteprima del percorso. I clienti potranno anche mettersi in contatto telefonico o via chat con il taxista.

Obiettivo: piattaforma di mobilità

L’obiettivo a lungo termine dichiarato da Uber è quello di diventare una vera e propria piattaforma di mobilità in grado di offrire diverse soluzioni per il trasporto: dalle bici, al noleggio con conducente, ai taxi, ai monopattini elettrici fino a poter accedere al servizio di trasporto pubblico di linea. 

Tag

Taxi  · Torino  · Uber  · 

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

Il car sharing di Bolloré entra in servizio nella città della Mole: 70 auto 100% elettriche, 23 stazioni di ricarica e costi da 0,14 cent al minuto. Per prenotarlo serve un'app