Ultimo aggiornamento  24 maggio 2019 00:48

Mercato auto novembre, ancora in calo.

Samuele Maria Tremigliozzi ·

Anche a novembre il mercato auto italiano registra una flessione: 146.991 unità immatricolate contro le 156.886 dello stesso periodo del 2017, una variazione negativa del 6,3%. Sono i dati diffusi dall'Unrae (Unione Nazionale Rappresentanti Autoveicoli Esteri).

I ritardi nelle consegne - dovuti principalmente all'introduzione delle nuove norme per l'omologazione - hanno segnato anche l'undicesimo mese dell'anno. In calo anche le vendite complessive dall'inizio dell'anno: per il 2018 è attesa una frenata del 3%.

Fca in testa

Il gruppo Fca mantiene il primo posto, nonostante la flessione del 9,83%. A pesare sui risultati del gruppo, il calo registrato da Fiat (-15,6%) e Alfa Romeo (-54%). Con segno positivo Maserati (+3,9%), Lancia (+14%) e Jeep: il marchio americano cresce del 34,3%, 7.066 unità contro le 5.261 dello stesso periodo dell'anno precedente. 

Secondo posto per Psa: la holding francese chiude l'undicesimo mese con 22.305 esemplari targati, una flessione dello 0,2% rispetto alle 22.357 unità di novembre 2018. Tra i brand, performance positiva solo per Ds (+35,8%). Citroën, Peugeot e Opel in calo. 

Volkswagen è il gruppo che cresce di più in termini di unità immatricolate: 21.483 esemplari contro i 20.630 dello stesso periodo dell'anno precedente, una variazione positiva del 4,1%. Audi è l'unico marchio del costruttore tedesco che perde terreno (-14,6%), bene Lamborghini (+133,3%), Seat (+6,6%) e Skoda (+6,3%). In aumento anche le vendite del brand di Wolfsburg: 13.323 unità contro 11.917 del 2017.

Periodo negativo per le premium tedesche: Porsche è la peggiore con una flessione del 69,8%, seguita da Bmw (-17,9%) e Mercedes-Benz (-8,4%). 

Crolla il diesel

Continua la scalata delle vetture a benzina che rappresentano oltre il 40% del totale immatricolato di novembre 2018, una variazione positiva del 26,7% rispetto all'undicesimo mese dello scorso anno. A subire maggiormente l'inversione di rotta è il diesel: -25%. In crescita le alimentazioni alternative (fatta eccezione per il metano): ibride +17%, elettriche +200% con 308 unità in più.

Tornano le citycar

Bene citycar che registrano una variazione positiva del 7,5%. A novembre, le utilitarie rappresentano il 18,3% del totale targato. Male il resto, suv e crossover esclusi: le auto a guida alta sono sempre più vicini alle berline per quota di mercato (41% contro 49,4%).

Tag

Mercato auto  · Unrae  · 

Ti potrebbe interessare

· di Samuele Maria Tremigliozzi

Si prevedono vendite stabili dopo un 2018 in flessione di circa il 3%. Molte le novità attese dai costruttori, Fiat Chrysler in difficoltà

· di Giovanni Passi

Il mercato degli Lcv registra una flessione nell'undicesimo mese dell'anno: oltre 2mila unità in meno vendute rispetto allo scorso anno. Più di 1 esemplare su 4 è Fiat

· di Samuele Maria Tremigliozzi

Per Ancma, l'associazione di categoria, tra gennaio-ottobre 2018 i motocicli immatricolati crescono del 6%. Segno opposto per i ciclomotori che registrano una flessione (-13,3%)

· di Paolo Odinzov

Il decimo mese dell'anno ha fatto registrare in Italia l'ennesima flessione nelle immatricolazioni che costringe a rivedere a ribasso le previsioni di fine anno.