Ultimo aggiornamento  16 ottobre 2019 02:39

L'autonoma va a Londra.

Colin Frisell ·

LONDRA - Natale con il robot. E' il regalo che il consorzio Driven - formato da un mix di realtà pubbliche e private per lo sviluppo della mobilità senza conducente almeno di livello 4 nel Regno Unito - ha deciso di fare ai cittadini londinesi. Prima del periodo festivo inizieranno nel distretto meridionale di Hounslow - che comprende zone di grande affluenza turistica come l'aeroporto di Heathrow e luoghi cari ad abitanti e turisti come l'orto botanico di Kew e lo stadio di Twickenham dove gioca la nazionale con la rosa - i test delle vetture driverless del consorzio.

Prove di giorno e di notte

Si replicheranno, ma in un contesto decisamente più trafficato, le stesse prove a cui le vetture sono state sottoposte nel corso degli ultimi mesi in particolare nella zona di Oxford. Durante le prove i tecnici di Oxbotica - una delle aziende che dà vita a Driven nata proprio da uno spin off dell'università più famosa del Regno Unito - collezionerà i dati utili all'intelligenza artificiale. Per esempio memorizzerà la segnaletica verticale e orizzontale. Ogni test verrà ripetuto più volte per studiare approfonditamente i tratti stradali in diversi momenti della giornata, con la luce o il buio e con differenti condizioni meteorologiche. 

Il consorzio Driven lavora per raccogliere sufficienti informazioni per portare delle auto autonome sulla strada tra Oxford e Londra già entro il 2019. 

Tag

Driven  · Londra  · Oxbotica  · Oxford  · 

Ti potrebbe interessare

· di Colin Frisell

Il tream Driven creato da un consorzio misto pubblico e privato ha portato le prime Ford Mondeo sulle strade della capitale inglese. Robotaxi dal 2020