Ultimo aggiornamento  16 dicembre 2018 10:10

Ford, allarme stanchezza (VIDEO).

Valerio Antonini ·

Ford ha riprodotto le sensazioni che si provano quando si accumulano troppe ore al volante senza riposarsi, paragonandole con quelle di chi guida in stato di ebbrezza. Per farlo ha utilizzato una apposita attrezzatura - chiamata Sleep Suit - che appesantisce i movimenti del guidatore e che comprende anche degli occhiali speciali in grado di simulare il momento in cui si chiudono involontariamente gli occhi.

Zombie al volante

Le tute - dal peso di 18 chili ciascuna - riproducono gli effetti debilitanti per il corpo provocati dalla stanchezza. Attraverso gli occhiali, invece, si ricreano i mini-colpi di sonno che arrivano a causare fino a 10 secondi di totale incoscienza. Durante questi momenti si arrivano a percorrere anche centinaia di metri, perfino a occhi aperti, ma senza rendersi conto di quello che c'è sulla strada. "Se ti metti al volante quando sei troppo stanco - ha dichiarato il responsabile del progetto e inventore delle Sleep Suit, Meyer Hentschel - rischi di guidare come uno zombie. Si diventa un pericolo per sé e gli altri". 

La simulazione viene effettuata all'interno del programma “Driving skills for life”, un corso di guida completamente gratuito - organizzato da Ford - per i giovani patentati da 18 a 24 anni. 

Come comportarsi 

Secondo gli esperti almeno un incidente mortale su cinque è provocato da improvvisi colpi di sonno al volante. Non sempre ci si rende conto di essere stanchi mentre si guida, soprattutto quando si viaggia da soli per diverse ore.

Cosa fare quindi quando si è troppo provati? Secondo gli studiosi è necessario fermarsi a riposare almeno 20 minuti e consumare una bevanda alla caffeina (ma senza esagerare per non rischiare l'effetto contrario) prima di ripartire.

Tag

Driving skills for life  · Ford  · Sleep Suit  · 

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

Tanti sono i nostri connazionali in pericolo al volante per malattie croniche come le apnee notturne (ma non solo). ACI e Fisar lanciano una campagna